Venerdì, 20 Aprile 2018
LA PERTURBAZIONE

Ancora maltempo in Sicilia: allerta gialla per forti burrasche, danni alle Eolie

di

Il maltempo sta provocando danni nelle coste tirreniche e in particolare nelle Eolie dove le mareggiate hanno danneggiato i locali della Siremar a Salina e hanno ribaltato contenitori  di rifiuti a Ginostra. In difficoltà i collegamenti e, intanto, la Protezione civile ha prolungato l'allerta gialla per altre 24-30 ore.

Il Dipartimento Regionale della Protezione Civile, infatti, ha diramato la prosecuzione di avviso di allerta gialla per condizioni meteo avverse in gran parte della Sicilia. In particolare, “fino alle prossime 24-30 ore, si prevedono precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale. Dal tardo pomeriggio-sera di oggi e per le successive 18-24 ore, si prevedono venti di burrasca con rinforzi fino a burrasca forte dai quadranti sud-occidentali. Mareggiate lungo le coste esposte”.

Domani, quindi, ancora maltempo, poi una nuova perturbazione nel weekend: pioggia, vento e neve: «Domani - spiega il meteorologo di 3bmeteo.com, Edoardo Ferrara - al Sud sono attese piogge e temporali diffusi ma soprattutto neve a quote basse. Il calo delle temperature favorirà neve fino in collina su Campania, Molise, Lucania ma entro fine giornata anche in Puglia con neve sulle Murge». Rovesci di neve, precisa, sono previsti anche in Calabria e Sicilia mediamente oltre i 700-1100m». Secondo Ferrara, inoltre, nel weekend una nuova perturbazione sembra puntare Sud, Isole e poi medio versante adriatico con ulteriore carico di pioggia e neve inizialmente a quote ancora medio-basse».

E si contano anche danni causati dalle perturbazioni. I locali dell’agenzia Siremar a Salina vicino al porto di Rinella sono stati danneggiati da una forte mareggiata: l’acqua ha distrutto porte e mobili. L'acqua a Lipari ha invaso via Roma, vicino piazza di Marina Corta e la strada è stata chiusa. A Ginostra il porto è stato sommerso dal mare. Difficoltà nei collegamenti con le isole principali mentre le minori sono isolate.

Un cittadino di Ginostra, nelle Eolie, Pasquale Giuffrè ha scritto una lettera indirizzata al ministero dell’Ambiente, al presidente della Regione Siciliana, al prefetto di Messina, alle capitanerie di porto di Milazzo e Lipari, alla Procura di Messina per denunciare che «una forte mareggiata ha ribaltato i grossi contenitori di rifiuti organici e inorganici depositati vicino al molo di Ginostra, destinato incautamente e si suppone a nostro avviso abusivamente a centro di stoccaggio dei rifiuti della frazione. La mareggiata ha trasportato in acqua centinaia di sacchi di rifiuti di ogni genere con conseguente sversamento di liquidi e ovvio inquinamento dei luoghi e del mare. Tale pericolo, era stato preventivato alle autorità competenti con svariate segnalazioni».

E ha rischiato grosso, anche a causa del maltempo, un giovane di Aci Sant'Antonio che ieri, dopo aver forato uno pneumatico lungo le strade del versante Est dell’Etna, aveva perso l’orientamento.  A causa del maltempo, infatti, le ricerche sono state interrotte e solo oggi il ragazzo è stato ritrovato dai militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (S.A.G.F.) di Nicolosi.

L’auto è stata individuata grazie al suo antifurto con geolocalizzatore. Il giovane, trovato in stato confusionale e disidratato, ha dovuto trascorrere la notte a bordo della sua auto, che è stata trovata nei pressi di una stradina sterrata attigua alla Strada asfaltata «Cassone», che da Zafferana Etnea conduce alla località Etna Sud. Il giovane è stato trasportato da una ambulanza del 118 nell’ospedale di Acireale per gli accertamenti medici.

A lanciare l’allarme era stato il padre, al quale il giovane, che non era più in grado di fornire indicazioni sulla località in cui si trovava, aveva telefonato. Allo stesso tempo, dopo aver informato la Prefettura, erano state allertate le altre Forze di Polizia e gli Enti che a vario titolo operano nelle ricerche di persone disperse in ambiente montano come il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (C.N.S.A.S.), il Corpo Forestale Regionale e i Vigili del Fuoco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X