Martedì, 24 Aprile 2018
DOPO IL VOTO

M5s, candidati “insufficienti” in Sicilia: al Senato non sarà assegnato un seggio

elezioni politiche 2018, m5s, seggio vacante senato, Senato, Sicilia, Politica
Il Senato

PALERMO. L'exploit in Sicilia del M5s combinato con un "buco" nella legge elettorale Rosatellum alla fine si traduce in un paradosso: non potrà essere assegnato un seggio scattato nella quota proporzionale al Senato per il M5s sull'Isola. Quindi a Palazzo Madama ci sarà un senatore in meno e mancherà al gruppo dei Cinquestelle. Questo perché tutti i candidati del M5S eletti lo scorso 4 marzo nell’uninominale del Senato in Sicilia erano anche candidati nel plurinominale e pertanto il seggio scattato nella quota proporzionale resterà vacante; secondo l'orientamento comune, resterà vacante, in quanto la distribuzione dei seggi per palazzo Madama avviene su una rigida base regionale: non può così scattare in un’altra regione col sistema dei resti, come invece accade per la Camera. A meno che la politica non riesca a trovare un’altra 'soluzione'.

Candidati «insufficienti» alla Camera per i soli Cinquestelle, con la Cassazione che ha provveduto a coprire i 'buchi' pescando da altri collegi per far quadrare i conti generali dei seggi assegnati. E’ quanto si desume dal verbale della Suprema Corte, ufficio elettorale centrale, che ha effettuato le operazioni di conteggio e riconteggio ieri, domenica, dalle 15 alle 18:15, come riporta il documento.

M5S, 6 RIPESCATI ALLA CAMERA - «Sulla base delle comunicazioni ricevute dagli Uffici circoscrizionali - si legge nel verbale - vi è una sola lista, il Movimento 5 Stelle, con complessivi 6 casi di insufficienza di candidati» alla Camera. Nello specifico si tratta di 3 seggi nella circoscrizione Campania 1 collegio plurinominale n. 1 e di altri 3 seggi in Sicilia 2, rispettivamente nei collegi plurinominali 1, 2 e 3. La Cassazione quindi «assegna a M5S i seggi» attingendo ad altre circoscrizioni e nello specifico a Campania 2, Piemonte 2, Calabria, Molise, Toscana, Lazio 1. Per ognuna di queste circoscrizioni è stato quindi individuato il collegio dove selezionare il candidato.

I NOMI - Nel collegio Campania 2-01 è stato individuato Pasquale Maglione. In Piemonte 2 Lucia Azzolina. In Calabria Riccardo Tucci. In Toscana 03 Ehm Yana Chiara. In Lazio 1-01 Vittoria Baldino. Nell’unico collegio plurinominale del Molise "non è stato possibile individuare nessun candidato disponibile, giacché i due candidati del collegio plurinominale, Rosa Alba Testamento e Antonio Federico della circoscrizione Molise risultano proclamati eletti nei collegi uninominali della medesima circoscrizione"; il candidato è stato quindi 'pescatò nel collegio Puglia 03 ed è Valentina Palmisano.

I NUMERI TOTALI - Il verbale riporta anche il totale generale, ormai noto, dei seggi assegnati: 133 seggi ai Cinquestelle; 73 alla Lega, 59 a Forza Italia e 19 a Fratelli d’Italia; 86 al Pd e 2 a Svp; 14 a Leu. Totale: 386.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X