Sabato, 15 Dicembre 2018

Dazi: Ue, speriamo non sia necessario ma misure pronte

News
Dazi: Ue, speriamo non sia necessario ma misure pronte
© ANSA

BRUXELLES - "Finché le misure Usa non sono prese, speriamo di poter evitare una disputa commerciale che non è nell'interesse di nessuno", ma "è chiaro che se queste verranno prese danneggeranno l'Ue" quindi "dobbiamo rispondere in modo fermo e proporzionato" e "in linea con le regole del Wto". Così la commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem annunciando che la lista di contromisure commerciali è pronta in caso scattassero i dazi americani sull'acciaio.

 

"Speriamo l'Ue sia esclusa, abbiamo cercato di convincere gli Usa". "Non vogliamo nessuna escalation" e l'intenzione è "fare tutto il possibile per offrire dialogo" agli Usa per evitare i dazi, ma "non sappiamo se succederà o no", ha ancora sottolineato la commissaria al commercio. "Spero veramente che non succeda perché una guerra commerciale non ha vincitori, solo vinti" e "spero che qualcuno alla Casa Bianca abbia letto i libri di storia", ha aggiunto, "ma se succede dobbiamo prendere misure per proteggere l'occupazione e l'economia Ue". Anche perché, ha evidenziato Malmstroem, le misure americane "non sono in linea con le regole del Wto" perché si tratta di "salvaguardie economiche camuffate, non una misura di sicurezza", ed è da qui che l'Ue trae la sua legittimità a rispondere con contro-dazi di pari valore per compensare i danni subiti alla sua economia.

 

La Commissione ha quindi preparato una risposta composta da "tre filoni". Primo, una procedura tradizionale davanti al Wto, ma che "è lunga e richiede tempo". Secondo, "misure di salvaguardia" a protezione del mercato europeo nel caso in cui vi venissero deviati flussi di acciaio americano a basso costo.

 

Terzo, "una lista provvisoria di dazi su una serie di prodotti americani" nei settori "dell'agroalimentare, dell'acciaio e industriali", di un valore pari a quello dei danni provocati dai dazi americani all'economia europea. Questi sono stati stimati sui 2,8 miliardi. La lista, che include prodotti che vanno dal burro di arachidi al succo di arancia, dai mirtilli alle moto Harley Davidson sino al whisky Bourbon e ai jeans Levi's, non è però definitiva perché deve essere ancora discussa con gli stati membri. In caso le misure Usa dovessero scattare, quest'ultima potrà però entrare in vigore rapidamente, nel giro di alcune settimane.

 

"Le guerre commerciali sono una brutta cosa e sono facili da perdere", ha detto il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk rispondendo alle domande dei giornalisti su dazi doganali minacciati dall'amministrazione Usa sull'acciaio e l'alluminio.

 

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X