Martedì, 19 Giugno 2018

Il fossile di un pulcino racconta l'evoluzione

Scienza e Tecnica
Ricostruzione del fossile di pulcino, vissuto circa 127 milioni di anni fa, nel Mesozoico, (fonte Raúl Martín)
© ANSA

È uno dei primi fossili di pulcino: un mucchietto di ossa più piccolo di un dito umano risalente a circa 127 milioni di anni fa, in pieno Mesozoico, e sta raccontando ai paleontologi la storia del passaggio dai dinosauri agli uccelli. Le sue caratteristiche sono illustrate sulla rivista Nature Communications.

Per gli autori, i ricercatori dell’Università di Manchester coordinati da Fabien Knoll, l’importanza di questo fossile, appartenente al gruppo di uccelli preistorici chiamato Enantiornithes, è nel fatto che conserva i resti dello scheletro di un pulcino morto subito dopo la nascita. Una fase critica della formazione dello scheletro, secondo i paleontologi, in cui le ossa conservano ancora tratti primitivi e inadatti al volo.

Per studiare queste ossa, date le ridotte dimensioni del fossile, i paleontologi hanno adoperato uno strumento utilizzato nei laboratori di fisica delle particelle: un sincrotrone, che permette un’analisi in dettaglio dei fossili a livello submicroscopico. "La diversificazione evolutiva degli uccelli - ha spiegato Knoll - è il risultato di un’ampia gamma di strategie e tentativi. L’analisi delle ossa di questo piccolo fossile - ha concluso - ci permette di gettare uno sguardo sul mondo degli antichi uccelli che vivevano all’epoca dei dinosauri".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X