Lunedì, 20 Agosto 2018
L'OMICIDIO DI MACERATA

Pamela, così è stata uccisa: la verità dall'autopsia

omicidio macerata, Pamela Mastropietro, Sicilia, Cronaca
Pamela Mastropietro

MACERATA. Prima colpita alla testa con un oggetto contundente o caduta su un corpo smussato mentre era intorpidita dall'assunzione in vena di eroina; poi accoltellata due volte alla base destra del torace con una lama a punta monotagliente penetrata fino al fegato.

La sequenza degli ultimi istanti di vita di Pamela Mastropietro, 18 anni, di Roma, viene ricostruita nelle valutazioni medico legali e tossicologiche preliminari. Secondo i medici legali, Mariano Cingolani e Rino Froldi, Pamela è morta il 30 gennaio a Macerata tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio fino alle 17.

Le prime risultanze dell'autopsia, disposta dal Procuratore di Macerata Giovanni Giorgio e dal pm Stefania Ciccioli, consegnano punti fermi per capire l'eventuale ruolo e responsabilità dei quattro indagati nigeriani nell'uccisione e nello scempio del cadavere della giovane smembrato con sapienza chirurgica e trovato a pezzi in due trolley sul ciglio di una strada a Pollenza (Macerata).

Per le accuse di omicidio, vilipendio, distruzione e occultamento di cadavere sono in carcere Innocent Oseghale, 29 anni, che abitava nella mansarda dell'appartamento di via Spalato 124 teatro del massacro, Desmond Lucky, 22 anni, chiamato in causa da Oseghale come pusher dell'eroina per la ragazza, e Lucky Awelima, 27 anni, fermato a Milano mentre forse stava tentando di scappare; un quarto nigeriano è indagato a piede libero.

I cellulari li collocano nella zona quel giorno e sono 'collegati' tra loro da alcune telefonate. Saranno decisivi i risultati degli esami del Ris dei carabinieri sulle impronte trovate nella casa e sugli indumenti, oltre alla tracciatura precisa dei telefoni, a chiarire il contributo di ogni indagato.

I medici legali confermano l'assunzione di eroina per via venosa da parte di Pamela che tuttavia non le avrebbe causato un'overdose. L'esame del corpo ha trovato molte "interferenze" per il modo in cui il cadavere è stato smembrato, in parte scuoiato e lavato in maniera accurata "anche nelle regioni genitali", in maniera tale da non lasciare segni di liquidi biologici che sarebbero stati preziosi per capire causa e dinamica della morte. Pratiche, scrivono i periti, che hanno lasciato sul corpo una "rilevante lesività post mortale".

Le relazioni finali potranno fornire ulteriori elementi utili. Intanto però due degli indagati, tramite i loro legali, hanno chiesto la scarcerazione al tribunale del Riesame. "Perché sono in carcere? Cosa ho fatto", continua a chiedere all'avvocato Giuseppe Lupi, Awelima convinto che le analisi del Ris possano confermare la sua tesi: "non sono mai stato in quella casa".

Anche Desmond Lucky, tramite l'avvocato Gianfranco Borgani, ha chiesto di essere rimesso in libertà: "ci sono cose che non tornano - ribadisce il difensore -. 50 telefonate mentre uccide e smembra il corpo?" Ma gli elementi presenti per ora sono stati ritenuti sufficienti dal gip per la custodia in carcere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X