Sabato, 22 Settembre 2018
ELEZIONI

Berlusconi: Tajani ha sciolto la riserva, lui il candidato premier di Forza Italia

ROMA. "Sono lieto di poter annunciare una buona notizia: l'attuale presidente del Parlamento europeo ha finalmente sciolto la riserva e ha dato la disponibilità a guidare il prossimo governo di centrodestra".

In serata Silvio Berlusconi può finalmente annunciare a Matrix - a 24 ore dalle elezioni - che anche Forza Italia ha ufficialmente un suo candidato premier. Sarà Antonio Tajani che, nel caso le cose si concretizzassero, dovrà lasciare il prestigioso incarico di presidente del Parlamento europeo per tentare la strada di palazzo Chigi.
"Ringrazio Berlusconi per la stima. Ho dato a lui la disponibilità a servire l'Italia. Ora ogni ulteriore decisione spetta ai cittadini e al presidente della Repubblica", ha immediatamente confermato su twitter Tajani in una dichiarazione evidentemente concordata nella tempistica.
Poche ore i leader del centro-destra si erano trovati insieme sul palco per una photo opportunity a testimoniare che la coalizione di centrodestra è unita. Alla fine, superando diverse resistenze, Silvio Berlusconi, Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Raffaele Fitto sono riusciti ad ritrovarsi tutti insieme per l'unico evento comune della campagna elettorale.

Al Tempio di Adriano (in pieno centro nella Capitale) davanti ad un muro di fotografi e telecamere, i quattro leader del centrodestra hanno messo da parte distinguo e differenze per lanciare, nel rush finale della campagna elettorale, un segnale di unità. La leader di Fdi Giorgia Meloni, promotrice dell'iniziativa, non nasconde la soddisfazione per l'evento ribattezzato "il patto di pietra" (dal nome della piazza) ed approfitta per sottolineare come "Berlusconi e gli altri abbiano voluto chiarire la loro indisponibilità a dare i voti della coalizione per fare altro".

Oltre al messaggio di unità ("siamo gli unici a poter arrivare ad avere la maggioranza", ripetono a turno) i quattro "eroi", come li battezza Berlusconi, colgono l'occasione di essere insieme sul palco per dire no ad ogni governo che non sia quello di centrodestra: "Ciascuno di noi ha preso l'assoluto impegno di non aprire a degli inciuci o ad altre coalizioni se non raggiungiamo la maggioranza. Questo è un impegno che manterremo perché la prima regola da mantenere in politica è rispettare gli impegni che si assumono davanti agli elettori".

Parole a cui fa eco il capo di Noi con l'Italia Raffaele Fitto: "Abbiamo firmato un programma che è un onore ma anche un onere. In Italia c'è una sola soluzione: votare il centrodestra e noi giochiamo una partita per vincere e non per ipotizzare altre soluzioni". Plaude anche Matteo Salvini. Ovviamente nessun accenno alla competizione interna per la poltrona di palazzo Chigi, solo un passaggio sibillino del leader del Carroccio: "Tra una settimana avremo un governo di centrodestra - dice - chi farà cosa lo decideremo il 5 marzo".
A chiudere la kermesse è il Cavaliere, l'ultimo ad arrivare al tempio di Adriano, che invece del solito comizio sceglie di leggere "tutti i benefici della flat tax" visto che, premette alla platea: "in televisione non me lo fanno fare".
L'iniziativa si chiude come era iniziata e cioè con un'altra foto di gruppo e poi tutti via per gli altri appuntamenti.
L'ultima volta che i leader (a parte Fitto) del centrodestra si erano ritrovati tutti insieme è quando a palazzo Grazioli, il 18 gennaio, venne firmato il programma della coalizione. Anche lì si trattò di pochi minuti, giusto il tempo di una foto.
A rassicurare sulla tenuta della coalizione è l'ex capo del governo: "Al momento in cui saremo maggioranza vi garantiamo che la nostra lealtà sarà assoluta. Saremo una forza di aggressione rispetto a tutto quello che ha fatto la sinistra". Nell'attesa però ogni partito pensa al proprio consenso con iniziative assolutamente solitarie. Il Cavaliere riprenderà il suo tour mediatico, la Meloni sarà domani a Latina per concludere mentre il segretario del Carroccio chiama a raccolta i suoi militanti all'Eur: "Non sono sicuro mai di nulla ma il clima è buono. Si capisce che vinciamo perché ci sono giornalisti che arrivano dal Giappone dalla Francia dalle Germania, si sono svegliati", dice il leader del Carroccio che domani farà il bis a Milano. Noi con l'Italia invece chiuderà al tempio di Adriano.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X