Martedì, 19 Giugno 2018

Visti i primi passi dei tumori, sono gli stessi in tutti gli organi

Scienza e Tecnica
Cellule dello stomaco in via di transizione dallo stadio adulto allo stadio di staminale (fonte: Washington University School of Medicine)
© ANSA

Sono stati osservati i primi passi dei tumori: sono trasformazioni delle cellule mature che avvengono tutte nello stesso modo, indipendentemente dall'organo al quale appartengono e averle individuate potrebbe aprire la strada a future terapie in grado di interferire con i meccanismi generali delle prime fasi della comparsa di un tumore. Pubblicata sull'Embo Journal, la scoperta si deve alla Washington University di St. Louis.

“E’ un risultato importante perché conferma l’esistenza del fenomeno biologico della riprogrammazione autonoma delle cellule mature, che era stato scoperto solo di recente”, ha osservato il genetista Giuseppe Novelli, rettore dell’università di Roma Tor Vergata. “Inoltre – ha aggiunto - dimostra che questo fenomeno è universale, nel senso che esiste in organi diversi”.

La trasformazione è stata osservata in cellule umane di di topo di diversi organi, come stomaco, pancreas, rene e fegato; a queste osservazioni si sono aggiunte quelle relative a 800 tumori dell'uomo. Su questa base i ricercatori hanno scoperto un meccanismo che le accomuna tutte: quando il tessuto è danneggiato da infezioni o traumi, le cellule mature possono ritornare di nuovo giovani, cioè possono regredire a uno stadio simile a quello delle cellule staminali e cominciare a dividersi ripetutamente.

Per farlo, attivano tutte gli stessi geni, indipendentemente dall'organo al quale appartengono. Il meccanismo, spiegano gli esperti, può portare al cancro perché le cellule mature, quando ritornano a un comportamento simile a una cellula staminale, portano con sé tutte le potenziali mutazioni cancerogene che hanno accumulato durante la loro vita.

"Quando è iniziata la battaglia contro il cancro negli anni '70, si pensava che tutti i tumori fossero simili", ha detto uno degli autori, Jason Mills. Poi, ha aggiunto, "si è scoperto, invece, che i tumori sono molto diversi da un organo all'altro e da persona a persona". Tuttavia se, come suggerisce lo studio, i meccanismi generali che danno l'avvio a un tumore sono simili in molti organi, in futuro si potrebbe arrivare a terapie capaci di bloccare sul nascere la trasformazione di una cellula sana in una cellula tumorale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X