Giovedì, 20 Settembre 2018
IL COMMENTO

Abusivismo e il tempismo di Cordaro, un sasso nello stagno del dibattito elettorale

di

Prendendo a prestito una vecchia canzone di Enzo Jannacci, potremmo dire che quello abbozzato ieri dal neo assessore al Territorio Toto Cordaro - politico di lungo corso e dunque tutt’altro che ingenuo e piuttosto ben avvezzo a certi meccanismi - appare un teorema consegnato ai media, «per vedere di nascosto l’effetto che fa».

E siccome siamo certi quanto lui che il solo intendimento - al momento piuttosto generico e generalista - di intervenire in sede legislativa sulla questione dell’abusivismo edilizio, di effetti ne produrrà parecchi, riteniamo che almeno la tempistica sia quantomeno impropria (più o meno volutamente).

Le sensibilità in materia sono particolarmente spiccate, la campagna elettorale ferve e quel sasso lanciato così, non potrà che provocare le inevitabili onde concentriche nello stagno del dibattito pre-voto.

Anche a costo di arrampicarsi su equilibrismi lessicali come quell’«abusivismo di indispensabilità» che sa di rammendo peggiore dello sbrego.

Tanto quanto quel «gli abusi non sono tutti uguali». Teorizzarlo dopo il 4 marzo no, eh?

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X