Mercoledì, 24 Ottobre 2018

Cellule riprogrammate con il taglia-incolla del Dna

Scienza e Tecnica
Una rappresentazione artistica della Crisp (fonte: yourgenome)
© ANSA

Per la prima volta cellule della pelle dei topi sono state trasformate in cellule staminali, attivando un gene specifico nelle cellule stesse con la tecnica del taglia e incolla il Dna, la CRISPR, una specie di forbice naturale che permette di tagliare il Dna in punti specifici. "E' una modalita' nuova di produrre cellule staminali pluripotenti che e' radicalmente diversa da quella usata finora" dice l'autore dello studio Sheng Ding, dell'istituto Gladstone a San Francisco, la struttura focalizzata su questo tipo di ricerche, sulla scia del lavoro condotto dal 2006 da Shinya Yamanaka e sfociato nel Nobel nel 2012.

L'approccio innovativo offre una tecnica potenzialmente piu' semplice per fabbricare cellule piu' pregevoli e fornisce conoscenze importanti nel processo di riprogrammazione cellulare. Le cellule staminali pluripotenti possono essere trasformate virtualmente in qualsiasi tipo di cellula nel corpo. Per cui sono una risorsa terapeutica fondamentale per alcune patologie attualmente incurabili come il Parkinson o la cecita'. Costituiscono inoltre un ottimo modello per studiare le malattie e uno strumento essenziale per testare nuovi farmaci nelle cellule umane. "Volevamo cercare di rispondere alla domanda se si possa riprogrammare una cellula semplicemente sbloccando un punto specifico del genoma, e la risposta e' stata positiva", commenta Sheng Ding.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X