Giovedì, 13 Dicembre 2018
SICCITA'

Invasi mezzi vuoti al Sud, il ministro Martina: pronti nuovi fondi

ROMA. Le piogge autunnali non sono bastate, le riserve d'acqua sono carenti soprattutto al Sud.

Nel Mezzogiorno gli invasi rimangono mezzi vuoti, mentre al Nord al situazione è migliore: il livello dei grandi laghi si sta alzando. Tutto dipende da quanto pioverà nei prossimi mesi invernali. Ma intanto, con poca acqua negli invasi, la prossima stagione agricola si presenta a rischio.

A tracciare un bilancio della situazione idrica italiana dopo la grande siccità del 2017 è l'Anbi, l'associazione nazionale dei consorzi di bacino, gli organismi pubblici di gestione delle acque che lancia l'allarme soprattutto per regioni come Basilicata, Puglia e Sicilia. "A 12 mesi di distanza - scrive l'Anbi -, non sono le regioni del Nord a destare le maggiori preoccupazioni, bensì il Meridione, dove sono praticamente dimezzate le riserve idriche presenti negli invasi, per altro a riempimento pluriennale".

Il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina indica come "priorità, migliorare le infrastrutture idriche, riducendo gli sprechi e aumentando la capacità di raccolta dell'acqua che oggi è ancora troppo bassa. In quest'ottica - dice - con la legge di bilancio abbiamo stanziato 500 milioni di euro fino al 2022 per finanziare un Piano nazionale pluriennale per invasi e acquedotti".

L'Anbi, intanto, ha contato 31 grandi opere idrauliche incompiute in Italia e ha proposto un piano di investimenti da 20 miliardi di euro in 20 anni, per 2.000 interventi.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X