Martedì, 23 Gennaio 2018
LA POLEMICA

Sacchetti bio a pagamento, rivolta social. Ma Renzi respinge le accuse: "Nessun complotto"

ROMA. Scoppia la polemica sui sacchetti riciclabili a pagamento per l'ortofrutta, obbligatori per legge dal primo gennaio. Sui social fioccano le accuse di "nuovo balzello" per i consumatori, e soprattutto di "regalo" del governo all'azienda leader dei sacchetti biodegradabili in Italia, la Novamont, guidata da Catia Bastioli ritenuta vicina a Matteo Renzi.

Giorgia Meloni parla di "nuova tassa Pd", mentre per i Cinquestelle bisognava puntare sulle sporte riutilizzabili. Renzi risponde bollando come "bugie" le accuse di favoritismo affermando che il governo ha solo attuato una direttiva europea. Per il ministro dell'Ambiente Galletti si tratta di un "atto di civiltà ecologica". Su Twitter spopolano le accuse al Pd e all'ex premier per i sacchetti. Danilo scrive "la tassa truffa sui sacchetti biodegradabili fa ricca la manager amica di Renzi".

Molto ritwittato è un post di tal Act@rus, che mostra uno scontrino con il prezzo dei sacchetti, 2 centesimi l'uno. "Ecco l'ultimo regalo del PD di Renzi, sacchetti a pagamento". Sui social però c'è anche tanta gente che difende il provvedimento. Molti sostengono che pagare 1 o 2 centesimi un sacchetto riciclabile è una questione irrilevante di fronte ai problemi dell'Italia e del mondo. Brand Angel commenta "mi è venuta voglia di comprare la frutta solo per sperperare soldi in sacchetti biodegradabili".

La leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, scrive che "è arrivata una nuova tassa voluta dal Pd". Poi aggiunge "a guadagnarci sarebbe, secondo alcune ipotesi di stampa, un'azienda molto vicina a Renzi e al Giglio magico". Per il deputato Cinquestelle Stefano Vignaroli "bisogna puntare decisi sul riciclo e sulle sporte riutilizzabili", che invece il Ministero dell'Ambiente proibirebbe per motivi sanitari. Il Codacons annuncia che presenterà domani una diffida al Ministero dello Sviluppo economico perché autorizzi i consumatori a portarsi le borse per la frutta da casa.

E ancora la replica di Matteo Renzi agli attacchi. "Chi vuole inventare bugie si accomodi pure, noi non lo seguiremo", scrive su Facebook, ironizzando sulle accuse di "complotto" e su una presunta parentela con la Bastioli, "Bernarda Renzi", come la definisce, "cugina di terzo grado di Matteo Renzi", "presidenta dell'azienda che produce tutti i sacchetti del mondo".

Per l'ex premier "in Italia ci sono circa 150 aziende che fabbricano sacchetti da materiali naturali". In realtà, spiega, "l'Italia ha attuato una direttiva europea che tende a eliminare la plastica dai sacchetti". "Anziché gridare al complotto - conclude - dovremmo aiutare a creare nuove aziende nel settore della Green Economy, senza lasciare il futuro nelle mani dei nostri concorrenti internazionali".

Per il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, "l'entrata in vigore della normativa ambientale sugli shopper ultraleggeri è un atto di civiltà ecologica, che pone l'Italia all'avanguardia nel mondo". I consumatori secondo il ministro pagavano le buste per l'ortofrutta anche prima, "con un ricarico sul prezzo dei prodotti". Invece "oggi il consumatore sa quanto costa l'impegno di ciascuno per la lotta alle plastiche che infestano i nostri mari".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X