Sabato, 21 Aprile 2018
CORTE D'APPELLO

Restituiti parte del beni al commerciante Massimo Niceta

Beni Niceta, Massimo Niceta, Sicilia, Cronaca
Tribunale di Palermo

PALERMO. La corte d’appello di Palermo ha restituito al commerciante Massimo Niceta il 50% della Nica srl, la sua società che gestiva due negozi in un centro commerciale di Castelvetrano. L’altra metà gli era stata già ridata: Niceta, dunque torna proprietario di tutta l’azienda.

I giudici hanno poi confermato la misura della sorveglianza speciale per Francesco Guttadauro, parente del boss Matteo Messina Denaro, ritenuto socialmente pericoloso. Nella decisione la corte, che riforma il verdetto del tribunale di Trapani, nega che Niceta fosse un prestanome di Guttadauro, da qui la restituzione dei beni.  A carico di Niceta, titolare di una catena di negozi di abbigliamento, resta pendente un procedimento di prevenzione a Palermo.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X