Sabato, 20 Gennaio 2018

Nuova ricetta per lo Zampone e il Cotechino Modena Igp

Terra e Gusto
© ANSA

Primo Capodanno per lo Zampone Modena Igp e per il Cotechino Modena Igp col nuovo logo e una nuova "ricetta" che, nei due tra i più antichi prodotti della salumeria italiana, toglie i derivati del latte e l'aggiunta di glutammato. Lo annuncia l'Istituto di Valorizzazione dei Salumi Italiani (Ivsi) nel precisare che nel nuovo logo i colori - azzurro e oro - riprendono quelli dell'araldica della città di Modena e l'elemento caratterizzante rappresenta il rosone del duomo di Modena.

Per vivere appieno il calore delle feste di fine anno e il piacere della tradizione vincerà la tradizione del connubio perfetto con le lenticchie, ma anche il benessere. "Da gennaio - annuncia Paolo Ferrari, presidente del Consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp - abbiamo un prodotto senza glutammato aggiunto, senza derivati del latte e solo con aromi naturali.

Speriamo che piaccia al consumatore". Intanto i numeri delle vendite 2016 sono più che soddisfacenti.

"Prevediamo di mantenere i volumi di vendita dello scorso anno - conclude Ferrari, presidente del Consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp con un lieve aumento - la nostra sensazione al momento è positiva. Questi prodotti sono tornati ad essere protagonisti nei cesti natalizi. Nel 2016 abbiamo venduto un milione di chili di zampone e due milioni di chili di cotechino, con la produzione dell'IGP che ha coperto il 70% dell'intero mercato''. Ad accompagnare il Capodanno è inoltre una produzione storica: La leggenda narra che zampone e cotechino avrebbero fatto la loro prima apparizione nell'inverno del 1511 a Mirandola, quando la città fu assediata dalle milizie del papa, Giulio II, Giuliano della Rovere. In quell'occasione i Mirandolesi si sarebbero ingegnati cominciando, in un primo momento, ad insaccare la carne di maiale nella cotenna o ad utilizzare la cotenna come ingrediente di un salume da cuocere, dando origine al cotechino e, successivamente, ad insaccarla nelle zampe, decretando l'origine dello zampone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X