Martedì, 23 Gennaio 2018
LE STORIE

Da Erice a Ciminna fino a Noto, la fantasia di Natale è... dolce

di

CIMINNA. Moltissimi paesi e città siciliani hanno specialità alimentari legate alle ricorrenze natalizie. A Ciminna non è Natale se non si mangia la tipica focaccia ripiena detta ‘nfriulata. È però nei dolci che la fantasia siciliana si sbizzarrisce definitivamente, come al tempo in cui i conventi erano pieni di monache, e differenti versioni di dolci di mandorle natalizi esistono in quasi tutti i paesi siciliani. A Mirto c’è chi ha inventato enormi e magnifiche Stelle di Natale ripiene di nocciole, cedrata e pasta di mandorle. A Randazzo per Natale il vin cotto è mischiato a mandorle e nocciole nei locali dolci terremulluri, a Lipari si insinua nella pasta dei contorti e bellissimi spicchitedda natalizi.

Poco prima di Natale nelle vetrine di Erice fanno la loro comparsa i grandi cuori ripieni di cedrata con il Bambino Gesù al centro: Maria Grammatico è l’unica a saperli ancora confezionare. Il dolce natalizio siciliano più noto è il buccellato (o cucciddatu) dal latino tardo buccellatum che, secondo la definizione di un vocabolario, si riferiva a «pane adatto a diventare un boccone per la sua morbidezza».

 Palazzolo Acreide e a Noto, dove hanno forma a esse, impanatigghi (dallo spagnolo empanadillas) a Ciminna dove sono ripieni di mandorle e mele.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X