Mercoledì, 24 Gennaio 2018

La rete genetica alla base della durata del sonno

Scienza e Tecnica
Sono 80 i geni che regolano la durata del sonno nel moscerino della frutta (foto Nogas1974/Wikimedia Commons)
© ANSA

Se ad alcune persone basta dormire poche ore al giorno e altre sentono, invece, la necessità di riposare più a lungo, la spiegazione è nei diversi circuiti cerebrali che regolano il sonno. Circuiti differenti controllati a loro volta da gruppi diversi di geni, identificati per la prima volta nei moscerini della frutta, animali modello negli studi di genetica. La ricerca, pubblicata sulla rivista PLOS Genetics, potrà aiutare a comprendere meglio i disturbi del sonno come l’insonnia o la narcolessia.

Coordinati da Susan Tracy Harbison, i ricercatori americani dei National Institutes of Health, l’agenzia federale Usa per la ricerca biomedica e la salute pubblica, hanno studiato 13 diverse generazioni di moscerini della frutta, dagli esemplari più ‘dormiglioni’, che riposano fino a 18 ore al giorno, a quelli cui bastano appena 3 ore di sonno. Dal confronto delle loro sequenze di Dna hanno, in particolare, identificato 126 mutazioni in un gruppo di 80 geni, tutti associati alla durata del sonno.

Una rete genetica che regola, ad esempio, lo sviluppo cerebrale o processi come la memoria e l’apprendimento. “Lo studio - ha detto Harbison - è un importante passo avanti nella comprensione di uno dei più grandi misteri della biologia, il bisogno di dormire. Sappiamo, infatti, che i geni giocano un ruolo importante nel regolare la durata del sonno, ma - ha concluso - abbiamo appena iniziato a comprendere quali sono i processi biologici e i circuiti neurali collegati a questi geni del sonno”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X