Sabato, 20 Ottobre 2018

Trovata la 'miccia' delle eruzioni vulcaniche esplosive

Scienza e Tecnica
L'eruzione del vulcano Calbuco in Cile (fonte: Jorge Nauto)
© ANSA

Scoperta la 'miccia' che innesca le eruzioni vulcaniche esplosive: è una leggerissima variazione della composizione chimica del magma, che ne altera la viscosità determinando la violenza dell'eruzione. Lo dimostra uno studio pubblicato su Nature da un gruppo internazionale di ricerca guidato dal geologo italiano Danilo Di Genova all'Università di Bristol, in Gran Bretagna.

I risultati segnano una svolta dopo decenni di studi, in cui i vulcanologi si sono interrogati sui meccanismi che determinano il passaggio da un'eruzione di tipo effusivo, con lenti fiumi di lava che scorrono in modo continuo, ad un'eruzione di tipo esplosivo, con la violenta espulsione di ceneri e gas incandescenti in atmosfera che possono perfino condizionare il clima. Comprendere "il meccanismo che c'è dietro la transizione tra questi due stili è cruciale per stabilire l'entità del rischio vulcanico", spiega Danilo Di Genova all'ANSA.

Con il suo gruppo di ricerca, il geologo ha studiato i magmi prodotti dal sistema vulcanico di Yellowstone, un modello ideale "perché nella sua storia ha eruttato sia effusivamente che esplosivamente, producendo anche super eruzioni capaci di alterare il clima". Attraverso una serie di esperimenti di laboratorio, i ricercatori hanno poi riprodotto i diversi tipi di magma. "Confrontando la loro chimica e la viscosità - racconta Di Genova - siamo stati in grado di individuare un punto chimico critico in cui la viscosità cambia moltissimo e in maniera del tutto inaspettata".

La scoperta, verificata su oltre 700 analisi di rocce eruttate da 40 vulcani di tutto il mondo (inclusi Lipari e Vulcano, nelle isole Eolie), dimostra che "la transizione da un tipo di eruzione all'altro è determinata da impercettibili variazioni di potassio, sodio, ferro e alluminio. Inoltre, abbiamo trovato delle nanoparticelle di ossido di ferro che aumentano la viscosità del magma e il rischio di eruzione esplosiva". Questi risultati, conclude Di Genova, dimostrano che "dobbiamo ripensare il nostro modo di modellizzare i processi vulcanici, introducendo più chimica e fisica".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X