Giovedì, 18 Gennaio 2018

La guida autonoma ora si può sperimentare con il car sharing

ROMA - E' firmato Nissan e si chiama e-share mobi il servizio di car sharing che dal prossimo 15 gennaio farà sperimentare in Giappone l'emozione della guida autonoma ai suoi utilizzatori.

La Casa asiatica lo ha messo a punto in collaborazione con Smart Oasis Carsharing, una piattaforma per i servizi di mobilità condivisa, offerta da Nihon Unisys. L'obiettivo dichiarato è consentire agli automobilisti di tutto il Paese del Sol Levante ''di provare in prima persona le tecnologie di guida autonoma sviluppate da Nissan''.

La flotta iniziale sarà composta da un ampio numero di vetture elettriche Leaf e Note e-Power. Il servizio non prevede alcuna tariffa fissa mensile ma solo un corrispettivo a consumo.

E' già possibile iscriversi a questo car sharing tecnologico tramite il sito (in lingua giapponese) https://e-sharemobi.com/.

''In un primo momento - viene chiarito da Nissan - e-share mobi sarà presente in circa 30 stazioni di Tokyo, Kanagawa, Shizuoka, Osaka, Hyogo, Kyoto, Shiga, Nara, Wakayama e altre prefetture giapponesi, e in seguito sarà esteso a ulteriori regioni''.

Tutte le vetture saranno equipaggiate con una ''scatola nera'', i cui dati raccolti saranno utilizzati per eventuali verifiche probatorie in caso di incidente. Le Leaf prevedono come standard il sistema di guida autonoma ProPilot, il ProPilot Park, e l'Around View Monitor per una visione a 360 gradi intorno al veicolo. Quest'ultimo equipaggia anche le Note. ''Gli utenti - sottolinea il Costruttore - possono ricevere indicazioni per la navigazione e consigli sul percorso da seguire, comunicando telefonicamente con un operatore in tempo reale. Tutti i veicoli sono dotati di ETC Card integrata, che permette di pagare comodamente i caselli autostradali giapponesi''.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X