Lunedì, 24 Settembre 2018
BOMBA A NEW YORK

Attentato nel cuore di Manhattan, Trump: "Pena di morte per i terroristi"

attentato new york, Donald Trump, Sicilia, Mondo
Le immagini dopo l'attentato a Manhattan

WASHINGTON. "Coloro che vengono condannati per essere stati coinvolti in atti di terrorismo meritano le pene più severe previste dalla legge, inclusa la pena di morte nei casi appropriati": lo afferma in una nota Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York.

"L'America deve sempre rimanere salda contro il terrorismo e l'estremismo, garantendo che le nostre grandi istituzioni possano affrontare tutti i malvagi atti di terrore", osserva.

Intanto è stata rafforzata la sicurezza attorno a tutti gli obiettivi sensibili di New York. Sotto strettissima sorveglianza sono stati messi aeroporti, stazioni dei treni e della metro, tunnel e ponti. Ma anche luoghi simbolo come Times Square, l'Empire State Building e il nuovo World Trade Center, a Ground Zero. Aumentati i controlli anche sulla Fifth Avenue, soprattutto all'altezza della Trump Tower e del Rockfeller Center, in questa vigilia del Natale frequentato ogni giorno da centinaia di migliaia di turisti che si assiepano per ammirare il suo iconico albero, il gioco di luci sulla facciata dei grandi magazzini Saks e la pista di pattinaggio sul ghiaccio.

Un attentato eseguito da un giovane lupo solitario, un cane sciolto ed è questo a fare più paura, perché più difficile da prevedere e prevenire. Un attentatore alquanto maldestro, probabilmente ispirato dall'Isis e di certo animato dal desiderio di vendetta: è il profilo di Akayed Ullah, 27 anni, l'immigrato bengalese arrestato per la bomba artigianale che aveva indosso ed esplosa nell'affollato terminal di Port Authority, nel cuore di Manhtattan, a due passi da Times Square.

Ullah, rimasto ferito nella deflagrazione insieme ad altre tre persone, è ora ricoverato in condizioni non gravi al Bellevue Hospital di New York. Fonti di polizia hanno riferito ai media Usa che Ullah sarebbe stato ispirato dall'Isis ma che non avrebbe contatti con il gruppo terrorista.

"Ho agito per vendetta", avrebbe detto agli investigatori dell'Fbi. "Hanno bombardato il mio Paese e volevo fare del male qui", avrebbe poi affermato l'attentatore, anche se non è chiaro a quali bombardamenti possa essersi riferito dato che il Bangladesh è un alleato degli Usa.

Secondo altre fonti avrebbe motivato il suo gesto citando le azioni di Israele contro la popolazione di Gaza, dopo il controverso annuncio di Donald Trump su Gerusalemme capitale. Il gruppo mediatico Maqdisi (filo Isis) ha gia' suggerito tale legame. Il capo della polizia di Ny, James O'Neill, si e' limitato a dire che Ullah "ha fatto delle dichiarazione ma non ne parleremo oggi".

Nel frattempo l'Fbi scava nella sua vita e setaccia la sua casa. Il giovane  è entrato negli Usa con i suoi genitori e i suoi fratelli nel febbraio del 2011 con un visto da immigrato, ottenendo poi una residenza permanente americana. Viveva a Brooklyn e dal marzo 2012 al marzo 2015 aveva avuto una licenza come tassista di auto a noleggio, non per gli iconici 'yellow cab' di Manhattan e neppure per Uber, come emerso in un primo momento. Quello di taxi driver è comunque uno dei lavori più frequenti per gli immigrati.

Poi era finito a lavorare per un'azienda che si occupa di materiale elettrico e avrebbe costruito l'ordigno proprio nel luogo di lavoro. In modo maldestro, come dimostra l'esplosione, forse prematura o solo parziale della bomba. Secondo la polizia locale, non aveva alcun precedente in Bangladesh, che aveva visitato per l'ultima volta lo scorso 8 settembre. Un Paese a maggioranza musulmana sicuramente non estraneo al terrorismo, come dimostra l'attentato del luglio 2016 in un ristorante di Dacca, dove morirono 20 persone, tra cui 9 italiani.

Comunque al momento i dettagli sulla sua vita sono ancora scarsi per poter mettere a fuoco meglio la sua figura. Per ora sembra un 'lone wolf' come l'attentatore di Chelsea, Ahmad Rahami, 28 anni, cittadino americano di origini afghane accusato per le bombe in New Jersey e a New York (31 feriti) esplose nel settembre 2016. O come Sayfullo Saipov, l'uzbeko di 29 anni autore della strage di Halloween a sud di Manhattan, il 31 ottobre scorso (8 vittime).

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X