Sabato, 20 Gennaio 2018

Negli States su auto GM il navigatore ordina e paga il caffè

ROMA - Negli Stati Uniti, sulle vetture del gruppo General Motors dotate di sistema multimediale OnStar di ultima generazione, grazie alla nuova app Marketplace è da oggi possibile ordinare un caffé e pagarlo utilizzando lo schermo del navigatore, senza bisogno di portare con sé contanti o carte di credito. Con un paio di 'click' si effettua la prenotazione, si salda il conto e sulla strada che si sta percorrendo si passa a ritirare la bibita al drive-in più vicino, indicato direttamente dal GPS. Con un tocco del display in plancia si può anche prenotare un tavolo in un ristorante, riservare una stanza d'albergo o acquistare vari tipi di merci, benzina compresa.

Marketplace è la prima piattaforma per il commercio elettronico espressamente studiata per funzionare con i sistemi multimediali dotati di connessione di tipo 4G LTE, montati sulle auto prodotte dalla General Motors e vendute con i marchi Chevrolet, Buick, GMC e Cadillac. Il programma prevede una sezione ''shop'' dedicata esclusivamente agli automobilisti che guidano una vettura del gruppo americano che permette loro di acquistare traffico Internet per il sistema di bordo, pezzi di ricambio e accessori con sconti vantaggiosi.

Marketplace è stato progettato per essere utilizzato durante la guida. Il sistema sfrutta alcuni dati in tempo reale quali la posizione del veicolo, l'orario della giornata, le preferenze dell'automobilista e richiede minime interazioni manuali per evitare che chi si trova alla guida sia tentato dal distrarre il suo sguardo dalla strada, per orientarlo sullo schermo di bordo.

Le prime catene statunitensi che hanno aderito a questa piattaforma sono Dunkin' Donuts, che permette appunto di ordinare e pagare caffé e ciambelle con il navigatore e di ritirarlo presso uno dei suoi drive-in, i negozi degli specialisti del caffé Starbucks e dei fast-food di pollo e patatine Wingstop che accettano ordini online, i ristoranti della catena TGI Fridays che permettono di prenotare un tavolo nel locale preferito tra quelli più vicini al veicolo o sulla sttrada che si sta percorrendo. Altre compagnie già convenzionate sono Shell ed ExxonMobil per fare rifornimento, Priceline.com per prenotare una stanza d'albergo, Parkopedia per riservare e pagare il posteggio in determinate città, le catena di ristorazione Applebee's e IHOP e, infine, il servizio di consegne a domicilio delivery.com, operativo con tavole calde, enoteche, rosticcerie e lavanderie.

Santiago Chamorro, vice presidente Global Connected Customer Experience di GM, sottolinea: ''Gli americani in media passano 46 minuti al giorno al volante. Grazie ai sistemi di connessione abbiamo l'opportunità di rendere ogni viaggio più produttivo, così da lasciare ai nostri clienti più tempo libero. Marketplace è la prima novità di un pacchetto di programmi di personalizzazione che sarà lanciato negli Stati Uniti nei prossimi 12-18 mesi e che sarà reso disponibile per quasi 4 milioni di automobilisti''.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X