Martedì, 12 Dicembre 2017

Dieselgate: accordo Ue su giro vite a sistema omologazioni

Motori
© ANSA

(di Lucia Sali)

BRUXELLES - Controlli a campione delle auto gia' sul mercato, test indipendenti dei servizi tecnici e audit Ue delle motorizzazioni nazionali, oltre alla facolta' di Bruxelles di compiere proprie verifiche, imporre multe fino a 30mila euro per veicolo e ordinare richiami a livello europeo. A due anni dallo scandalo del Dieselgate, arriva finalmente il sofferto giro di vite al sistema Ue delle omologazioni auto, emerso come l'anello debole della catena che ha portato alle emissioni diesel 'truccate'. Nonostante le forti pressioni della lobby del settore automotive, che ha cercato di annacquare il piu' possibile le proposte della Commissione Ue, l'intesa uscita dai negoziati e' riuscita a mantenere almeno l'impostazione iniziale di base.

Le nuove regole, una volta ricevuto l'ok formale di Consiglio ed Europarlamento, saranno immediatamente applicabili da tutti i Paesi Ue, mentre diventeranno obbligatorie dal primo settembre 2020. "Accolgo con favore che gli elementi chiave della nostra proposta siano stati mantenuti, inclusa una reale supervisione Ue e poteri di esecuzione", ha dichiarato la commissaria Ue al mercato interno Elzbieta Bienkowska. La proposta iniziale dell'esecutivo comunitario, infatti, e' stata 'amputata' della norma che modificava il sistema di remunerazione spezzando il circolo vizioso odierno, ossia che i servizi tecnici che compiono i test sulle auto sono pagati dagli stessi costruttori.

Nel dettaglio, le nuove norme di omologazione introducono, oltre ai test ex ante necessari per omologare un modello auto, anche controlli a campione ex post, uno ogni 40mila vetture registrate (al ribasso rispetto a quanto chiesto da Bruxelles), e il 20% di questi controlli dovra' includere anche la verifica delle emissioni. I servizi tecnici che effettuano i test dovranno essere poi costantemente sottoposti ad audit, mentre sia la Commissione che gli altri stati membri potranno contestare la loro designazione in caso di problemi. E le stesse motorizzazione nazionali subiranno audit da parte di Bruxelles. Cambiano anche i 'poteri' di reazione dei Paesi: in caso di auto non a norma, ognuno potra' prendere misure di salvaguardia senza dover aspettare l'intervento dell'autorita' di omologazione come succede oggi. Scatta poi la supervisione Ue: la Commissione potra' fare a sua volta controlli di mercato, ordinare richiami in tutta l'Ue e assegnare sanzioni sino a 30mila per veicolo fuori legge sia ai costruttori che ai laboratori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X