Giovedì, 14 Dicembre 2017
GOVERNO

Nella manovra bonus bebè in versione "light" e mini taglio ai superticket

manovra finanziaria, Sicilia, Economia
Palazzo Chigi

ROMA. Bonus bebè in versione light e mini taglio sui superticket, ma anche un fondo da 50 milioni in due anni per quei risparmiatori che hanno subito «danni ingiusti» a causa delle banche: la manovra che stanotte dovrebbe incassare l'ok della commissione bilancio del Senato per poi approdare nella mattina in Aula, dove è atteso un voto di fiducia, ha imbarcato strada facendo un pacchetto di nuove misure che accontentano le varie anime della maggioranza con l’obiettivo di garantire la tenuta dell’Esecutivo. I fondi a disposizione erano e restano però pochi e i vari capitoli sono così solo parzialmente finanziati. Ecco le misure principali.

BONUS BEBE' - Rifinanziato l’assegno per i nuovi nati, che però sarà più leggero ma strutturale. Secondo quanto prevede l'ultima versione dell’emendamento, su cui manca ancora il via libera definitivo, il bonus varrà per il primo anno di età del bambino o per il primo dopo l’adozione (e non più per 3 anni). Per il 2018 arrivano 80 euro al mese, fino a 960 euro nel caso di nati a gennaio, mentre dal 2019 in poi l’assegno sarà di 40 euro al mese, per un massimo di 480 euro l’anno. Resta la soglia Isee per accedere al beneficio pari a 25.000 euro.

SUPERTICKET - Arriva un fondo strutturale da 60 milioni l'anno per avviare l’eliminazione del superticket, con attenzione alle categorie 'vulnerabili', come anziani, redditi bassi o minori. Il riparto delle risorse arriverà con un’intesta Stato-Regioni.

WEB TAX - La nuova norma restringe le maglie della stabile organizzazione da una parte, presumendo che esista con 1.500 transazioni per un valore pari a 1,5 miliardi, ed introduce una nuova aliquota dall’altro. Dal primo gennaio 2019 scatterà un’imposta del 6% sulle transazioni digitali. Il gettito atteso è di 114 milioni di euro l’anno a partire dal 2019.

PENSIONI - Per 14.600 lavoratori inseriti in 15 categorie di lavori 'gravosì non scatterà l’aumento dell’età pensionabile a 67 anni nel 2019 previsto dalla Legge Fornero. Alle 11 categorie già individuate dall’Ape social, se ne aggiungono 4: operai e braccianti agricoli; marittimi; addetti alla pesca; siderurgici di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature non già ricompresi tra gli usuranti.

BANCHE - Verso un 'Fondo di ristoro finanziariò con una dotazione di 25 milioni all’anno per il 2018 e 2019 a favore "dei risparmiatori che hanno subito un danno ingiusto, non risarcito o indennizzato, in violazione degli obblighi di informazione e trasparenza» previsti dal Testo unico bancario.

ASSISTENZA FAMILIARE - Nasce il fondo per il sostegno dei caregiver, mariti, mogli, genitori, figli o comunque parenti fino al terzo grado che si prendono cura di familiari non autosufficienti o gravemente malati. Le risorse ammontano a 60 milioni distribuiti tra 2018, 2019 e 2020.

COMUNI - Vengono concessi maggiori spazi finanziari, a partire dalla garanzia di un’ulteriore gradualità nella misura dell’accantonamento al bilancio di previsione del fondo crediti dubbia esigibilità fino alla revisione della quota perequativa del fondo di solidarietà comunale delle regioni. Per le amministrazioni più piccole, sotto i 5.000 abitanti e non più sotto i 3.000, viene semplificato il documento unico di programmazione contabile. Maggiori risorse a disposizione anche per incentivare le fusioni tra piccole amministrazioni.

LIBRERIE - Arrivano sconti fiscali per salvare piccoli e grandi negozi di libri. Le librerie indipendenti potranno contare su un credito d’imposta su Imu, Tasi, Tari e affitto fino a 20.000 euro, le altre, affiliate a case editrici, avranno un tetto più basso, pari a 10.000 euro. Le risorse a disposizione sono in totale 4 milioni nel 2018 e 5 milioni nel 2019.

AUTORITA' ENERGIA - L’Autorità per l’energia elettrica avrà d’ora in poi competenze anche in materia di rifiuti. I componenti resteranno cinque e stabilirà anche le tariffe, con effetto dunque sulla Tari.

INCROCIO STAMPA-TV - Nuova proroga per un anno, il 2018, al divieto degli incroci proprietari tra Tv e giornali. Il divieto, previsto da un emendamento del governo ancora da approvare, come gli scorsi anni, non riguarda i giornali web.

FEMMINICIDIO E VIOLENZA GENERE- Per tutelare gli orfani dei femminicidi arrivano 7,5 milioni di euro dal 2018 al 2020. Esteso alle lavoratrici domestiche il congedo per le donne vittime di violenza di genere.

DA 2020 SOLO RADIO DIGITALI - Tutte le radio in vendita dovranno «integrare almeno un’interfaccia che consenta all’utente di ricevere i servizi della radio digitale».

CNEL - Le spese per i viaggi e i soggiorni del presidente e dei membri del Cnel potranno essere rimborsati, se "effettivamente sostenute e documentate».

SPUNTA ARCHIVIO PER PARTITI-SINDACATI - Arriva un fondo da un milione di euro all’anno dal 2018 per conservare e informatizzare gli archivi di partiti e sindacati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X