Domenica, 21 Ottobre 2018
NUOVO ARRIVO A CATANIA

La denuncia a Pozzallo: "Torture in Libia per il pagamento dei riscatti"

POZZALLO. Un ventenne dalla Costa d'Avorio torturato mentre al telefono i suoi famigliari sentivano le sue urla di dolore e disperazione, «per convincerli a pagare il riscatto. Facevano sentire le urla al telefono, mentre mi torturavano. Mi legavano le gambe e mi appendevano a testa in giù e poi colpivano con forza sotto i piedi. A volte mi versavano addosso acqua gelata e poi mi colpivano su tutto il corpo con dei tubi di plastica dura».

Storie di torture raccolte all'Hot spot di Pozzallo, dal personale di Medici per i diritti umani che ha consegnato al ministro Marco Minniti una lettera/denuncia affinché si aprano gli occhi sulle indicibili violenze a cui i migranti sono sottoposti in Libia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X