Domenica, 19 Novembre 2017

Auto e strade 'intelligenti',Garanti Ue lanciano sos privacy

Motori
© ANSA

(ANSA) - ROMA, 02 NOV - La diffusione di auto e strade ''intelligenti'' mette a rischio la riservatezza dei dati personali degli automobilisti. A lanciare l'allarme sono i Garanti europei per la privacy che sottolineano il pericolo ''di monitoraggio permanente e diffuso'' di chi si mette alla guida.

La posizione è stata espressa nel parere comune al progetto C-ITS, lanciato dalla Commissione Europea, che prevede dal 2019 la 'comunicazione' tra le autovetture utilizzate nel Vecchio Continente e con le infrastrutture (segnaletica stradale, stazioni di trasmissione/ricezione), scambiandosi informazioni utili alla circolazione. Le preoccupazioni riguardano il timore che i dati personali impiegati da queste nuove applicazioni tecnologiche non siano tutelati adeguatamente nella fase di progettazione del sistema. ''La piattaforma C-ITS - chiarisce il Garante italiano, che è stato anche relatore del parere congiunto - è nata con l'obiettivo di migliorare la sicurezza stradale, l'efficienza del traffico, il comfort di guida e di ridurre le emissioni inquinanti, aiutando l'automobilista a prendere le decisioni più opportune al verificarsi di determinati eventi esterni (ingorghi, incidenti stradali, condizioni metereologiche, lavori in corso). I Garanti europei, pur riconoscendo la validità del progetto della Commissione, sottolineano come la diffusione su vasta scala di questa nuova tecnologia, che comporterà la raccolta e l'elaborazione di quantità senza precedenti di dati (stile di guida, velocità, direzione, geolocalizzazione), ponga ''nuove sfide ai diritti fondamentali e alla riservatezza''.

''Gli automobilisti - viene poi sottolineato - non possono essere sottoposti a una sorveglianza continua e devono avere la possibilità di selezionare le opzioni che preferiscono (tempi, frequenza, posizione), compresa quella di disattivare completamente il sistema''. Dal momento, inoltre, che i dati sugli stili di guida e sulla localizzazione dei veicoli risultano di grande interesse per vari soggetti è importante che le relative modalità di conservazione siano regolate. Al riguardo è da ''vietare la creazione di un database centralizzato''.

Il sistema C-ITS registrerà informazioni sugli stili di guida e, grazie alla connessione in rete, sarà in grado di indirizzare comunicazioni specifiche a qualsiasi veicolo dotato di sistema ''ricevente'' e alle infrastrutture presenti sui tracciati.

Potrebbe, quindi, realizzarsi ''una forma di monitoraggio comportamentale permanente e diffuso che potrebbe generare un acuto senso di disagio nelle persone''.

Altro aspetto che andrà monitorato per evitare abusi riguarda la trasparenza nella gestione delle informazioni raccolte. La scelta di un sistema con trasmissione dati ''peer-to-peer'' come il C-ITS, comporta anche un'altra sfida: ''i messaggi possono essere ricevuti da un numero illimitato di soggetti, le cui intenzioni e capacità tecnologiche non sono e non possono essere conosciute dall'automobilista. Ciò provoca un'asimmetria informativa tra i 'mittenti' e i 'ricevitori' dei messaggi che deve essere riequilibrata innalzando il livello di controllo sui dati personali''. Di comune accordo, quindi, i Garanti europei raccomandano quanto prima l'avvio di un iter per l'adozione di normative comunitarie a tutela di aspetti così importanti legati allo sviluppo tecnologico. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X