Sabato, 18 Novembre 2017
DELRIO IN SICILIA

Infrastrutture, 10 miliardi da spendere per la Sicilia. Anas: "Sì al ponte sullo Stretto"

CALTANISSETTA. "Oltre 2,5 miliardi già impegnati ed in gran parte spesi per il raddoppio della S.S. 640 Porto Empedocle-Caltanissetta, della 189 Agrigento-Palermo e della A19 Palermo-Catania ed altri 10 miliardi da spendere nei prossimi anni sempre in Sicilia equamente divisi tra rete stradale e ferroviaria". Sta in queste cifre la sintesi della visita ai cantieri della Agrigento-Palermo e della "Strada degli Scrittori" compiuta oggi dal ministro per le Infrastrutture Graziano Delrio che nel pomeriggio ha incontrato i giornalisti accompagnato dal presidente di Anas, Gianni Armani, e di Cmc Ravenna, Alfredo Fioretti.

L'incontro si è svolto nella nuova doppia galleria Cozzo Garlatti che bypasserà Caltanissetta. "Abbiamo visitato i cantieri per aggiornarci sulla situazione - ha detto il ministro Delrio  - e ritorneremo tra fine novembre e dicembre. E' volontà del governo accelerare affinchè al più presto si consegnino ai cittadini queste importanti opere viarie. Il nostro approccio è serio ed i fatti smentiscono che le opere non si possono fare. Siamo riusciti ad inaugurare ed aprire la Salerno-Reggio Calabria".

Delrio non ha fatto solo bilanci ma ha tracciato anche programmi. "Queste sono opere importanti e maestose ma non ci fermeremo qui. Nel nuovo contratto di programma con Anas ci sono 23 miliardi di euro per nuove opere; di questi 12 miliardi sono per il sud e la Sicilia". Dopo la conferenza stampa il Ministro Delrio si è spostato al Comune di Caltanissetta per incontrare gli amministratori locali con cui fare il punto su temi specifici e locali.

Buone notizie sono state fornite, a margine della conferenza stampa con il ministro Delrio, anche dal presidente dell'Anas Gianni Armani. "Abbiamo già 873 milioni di euro da spendere per 84 diversi interventi sull'A19 Palermo-Catania che dovranno concludersi entro la fine del 2019 - ha detto Armani - che ci consentiranno di riaprire per intero tutti i viadotti e le corsie finendo questa situazione precaria".

Il presidente di Anas ha aggiunto che "per il viadotto all'uscita della galleria Sant'Elia c'è già una ipotesi di progetto con una spesa tra i 4 ed i 5 milioni di euro. La struttura andava chiusa perché anche in questi giorni abbiamo accertato la precarietà". Armani ha anche ribadito "la necessità di collegare Ragusa a Catania proprio perché è uno dei pochi tratti mancanti".

"Sino ad oggi si era detto che non aveva senso realizzare il Ponte sullo Stretto senza la Salerno-Reggio Calabria. Adesso l'autostrada è stata completata e viene utilizzata, quindi se si vuole far uscire dall'isolamento la Sicilia bisogna fare il ponte sullo stretto anche per evitare che la ferrovia resti una cosa interna alla regione".

Lo ha detto il presiedente di Anas Gianni Armani, rispondendo alle domande dei giornalisti nel corso della conferenza stampa con il ministro Graziano Delrio nella nuova galleria della Ss 640 Caltanissetta-Porto Empedocle.

"Anas per queste opere, come per tante altre, è pronta e certo non si tirerà indietro" ha aggiunto il presidente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X