Sabato, 18 Novembre 2017

Antartide, nuova spedizione italiana su ecosistema e clima

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Cinquanta progetti di ricerca su ecosistemi e clima e 210 tra tecnici e ricercatori nazionali e internazionali saranno i protagonisti della XXXIII Campagna estiva del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), che parte ufficialmente oggi con l'apertura della stazione "Mario Zucchelli".

La Campagna 2017-18, finanziata con 23 milioni di euro dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e attuata dall'Enea per gli aspetti logistici e dal Cnr per la programmazione e il coordinamento scientifico, durerà 4 mesi.

Gli scienziati e i tecnici, con indosso le famose tute rosse, sfideranno forti raffiche di vento, temperature vicine ai -50 gradi, minor disponibilità di ossigeno per l'altitudine e le alterazioni del ciclo circadiano legato all'alternanza giorno-notte a causa della presenza ininterrotta della luce solare durante l'intera giornata.

Dopo un volo di oltre 8 ore dalla Nuova Zelanda, spiegano Enea e Cnr, i primi 17 partecipanti alla missione sono arrivati alla stazione antartica statunitense McMurdo. Da qui hanno raggiunto la base italiana "Mario Zucchelli" sul promontorio di Baia Terra Nova, atterrando sul ghiaccio del Mare di Ross.

Sul fronte ambientale, gli scienziati continueranno lo studio delle profondità della calotta antartica per determinare il sito ideale di perforazione, nel tentativo di risalire alla composizione dell'atmosfera fino a 1 milione e mezzo di anni fa.

Proseguiranno gli studi, anche con tecnologie marine avanzate, di due specie chiave dell'ecosistema marino antartico, ovvero l'Antartic Silverfish e l'Antartic Toothfish, anche nell'ambito dell'Area Marina Protetta del Mare di Ross, costituita recentemente, la più estesa del pianeta, con i suoi 1,55 milioni di chilometri quadrati. (ANSA).

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X