Sabato, 18 Novembre 2017
IL PROVVEDIMENTO

"Socialmente pericoloso", sorveglianza speciale per Nino Dina

di
socialmente pericoloso, sorveglianza speciale, Nino Dina, Sicilia, Cronaca
Nino Dina

PALERMO. Sorveglianza speciale per Nino Dina, giudicato socialmente pericoloso dalla sezione misure di prevenzione. La misura è stata imposta all'ex deputato regionale per i suoi presunti rapporti con alcuni esponenti mafiosi.

È la prima volta che un provvedimento colpisce un politico dell'Ars. Gli viene imposto l'obbligo per un anno e mezzo di rimanere a casa dalle 20.30 alle 7 del mattino e di non partecipare a pubbliche riunioni.

La Procura avrebbe voluto che il provvedimento fosse più pesante: obbligo di dimora per quattro anni. La richiesta, però, non è stata accolta in pieno. Dina si è dimesso dal parlamento siciliano, annunciando di non volersi più candidare.

"Sono profondamente addolorato ed amareggiato per il provvedimento pronunciato dai giudici - dice Dina - che colpisce principalmente la mia dignità di uomo prima ancor che la mia onorabilità di politico impegnato nelle istituzioni. Non intendo discutere il decreto del Tribunale ma impugnarlo con i miei legali. Sono consapevole - aggiunge l'ex parlamentare - di avere incontrato solo soggetti incensurati peraltro presentatimi da altri incensurati, con riferimento ai quali solo successivamente e a distanza di tempo si è palesata l’appartenenza a consorterie mafiose e a cui nessun favore concreto è stato mai elargito. Tutti i fatti sono risalenti nel tempo e privi di attualità. Sono sicuro che le mie ragioni saranno riconosciute dalla Corte di appello".

"Siamo rimasti sorpresi del provvedimento che ovviamente impugneremo nella convinzione che non sussistano i presupposti per l'applicazione di alcuna misura di prevenzione nei riguardi dell'onorevole Dina. Lo stesso Tribunale, infatti, valorizza essenzialmente fatti assai risalenti nel tempo, addirittura datati al 2003, e accertando al tempo stesso la insussistenza di "concreti favori resi al sodalizio", hanno dichiarato i legali di Dina, gli avvocati Giovanni Di Benedetto e Marcello Montalbano.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X