Sabato, 18 Novembre 2017

Le differenze tra maschi e femmine si 'contano' nel cervello

Le differenze tra maschi e femmine si possono 'contare' nel cervello. Lo ha fatto il primo censimento dei neuroni, realizzato nei topi, svelando che sebbene il cervello femminile sia generalmente più piccolo di quello maschile, presenta in realtà molti più neuroni nelle aree profonde e ancestrali legate ai comportamenti sociali, risultando più intuitivo e sottile nelle percezioni, oltre che capace di reazioni emozionali più variegate.

Le parti si invertono solo in materia di sesso, visto che i maschi presentano un numero maggiore di neuroni nella regione primitiva che regola l'eiaculazione. A 'pesare' queste differenze sono stati i neuroscienziati del Cold Spring Harbor Laboratory, negli Stati Uniti, grazie ad una tecnologia chiamata 'qBrain' ('cervello quantitativo') basata su una piattaforma automatizzata che potrà essere usata per fare simili analisi anche in altri mammiferi, incluso l'uomo, andando a valutare le differenze che distinguono un cervello sano da uno malato, per esempio in caso di Alzheimer, autismo o schizofrenia.

"Fare il censimento dei neuroni permette di ottenere molte più informazioni rispetto alla semplice misurazione del volume del cervello e delle sue parti", spiega Giorgio Vallortigara, docente di psicobiologia e psicologia fisiologica del Cimec, il Centro Interdipartimentale Mente-Cervello dell'Università di Trento. "Per valutare l'intelligenza e la funzionalità di un cervello, è necessario conoscere quali tipi di cellule lo compongono nelle varie parti e la loro densità". E' proprio valutando questi parametri che sono emerse differenze insospettabili tra i due sessi.

"Lo studio dimostra che nella corteccia cerebrale maschi e femmine presentano lo stesso numero di neuroni, mentre le cose cambiano in 11 zone più profonde e ancestrali", afferma Vallortigara. In una piccola regione dell'ipotalamo, chiamata nucleo preottico posterodorsale, i maschi presentano un numero più alto di neuroni: "una cosa che ci potevamo attendere - commenta l'esperto - visto che la regione in questione è deputata ad una funzione prettamente maschile come l'eiaculazione".

Discorso completamente diverso, invece, in altre 10 aree profonde del cervello, dove "sono invece le femmine ad avere più neuroni: questo - spiega Vallortigara - potrebbe tradursi in comportamenti sociali più sofisticati ed elaborati". Una piccola rivincita per il genere femminile, insomma, dopo che per tanti anni le ricerche hanno evidenziato differenze più favorevoli ai maschi. "Sempre ammesso - conclude ironicamente Vallortigara - che si creda ancora alla guerra fra i sessi".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X