Martedì, 21 Novembre 2017

A Lecce il miglior Bar dell'Anno per guida Gambero Rosso

LECCE -  Il bar italiano è sempre più glamour, con chef che affiancano il barman al bancone per le colazioni (impazzano ora quelle salate, ndr), i salutisti light lunch, e gli aperitivi che dalla piazza si stanno spostando in dedali nascosti nei locali, gli speakeasy. Con gli italiani che mettono meno zucchero nel cappuccino, ma che ai dolci delle ricorrenze natalizie e alle paste della domenica non rinunciano. Anzi, lieviti con burro selezionato e cereali a gogo. E l'aperitivo per tanti è un must con i vini di territorio. A fotografare le nuove tendenze nei caffè è la guida "Bar d'Italia del Gambero Rosso 2018", edizione numero 18 presentata a Roma, nei saloni dell'Excelsior, in collaborazione con Illy. "Il caro vecchio bar di una volta - ha sottolineato il direttore del Gambero Rosso Laura Mantovano - si è trasformato in una straordinaria palestra per sperimentare, testare gusti, creare tendenze. Tutto merito di gestori illuminati, convinti delle incredibili potenzialità del bar. Primi fra tutti i ristoratori". Non a caso nell'Olimpo dei "Tre Chicchi" e "Tre Tazzine" tutti i nuovi ingressi ai vertici della classifica hanno alle spalle un cuoco: a Venezia Amo dei fratelli Alajmo che bissano dopo il successo del Caffè Quadri, a Vicenza il Caffè Garibaldi firmato da Lorenzo Cogo e a Caserta Hackert che vede alla guida lo chef trentenne Marco Merola. E proprio "per per l'innovativa visione imprenditoriale, la qualità dell'offerta complessiva anche della mixology, la ricerca della materia prima e sensibilità ai temi sociali e di sostenibilità ambientale" una giuria di esperti ha proclamato il vincitore del Premio illy Bar dell'Anno: è il 300mila Lounge di Lecce. Panzerotti dolci e salati, e krapfen da dieci e lode, a ricordare anche l'esperienza lavorativa in Germania di un talento, Davide De Matteis, tornato a fare impresa nel Sud. Tra i prossimi progetti il coinvolgimento in attività di ristorazione dei detenuti del carcere di Lecce, il record mondiale per numero di gin al bancone, la valorizzazione della cotognata leccese, e biscotti no-spreco, fatti con le bucce. Ha scelto di tornare al Sud anche Marco Merola, uno chef laureato in Lingue, con esperienze lavorative negli Usa e presso il pluristellato Gennaro Esposito, che ha aperto Hackert, un bar, cioccolateria, e ristorante col nome che omaggia il decoratore della Reggia di Caserta. Nella premiazione primeggia la Lombardia (9 locali). A seguire Veneto con 7, Emilia Romagna con 6, Piemonte e Sicilia con 5, Toscana con 3, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Campania e Puglia con 2. Un locale sul podio per Abruzzo e Marche. Decima edizione per il Premio Aperitivo dell'anno assegnato da Sanbittèr&Gambero Rosso al Sambirano di Reggio Emilia che presenta la formula di aperitivo più originale e divertente Mentre il "Gran Caffè Gallucci" dell'Aquila è il miglior bar Illy, tra oltre 600, votato in un sondaggio che ha coinvolto 12mila consumatori.(ANSA).
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X