Giovedì, 14 Dicembre 2017

Nasce il social network per le auto intelligenti

Scienza e Tecnica
Le auto elettriche più sicure se possono collegarsi in rete (fonte: EPFL)
© ANSA

Quattro occhi vedono meglio di due: è questo il principio che ha ispirato la nascita del 'social network' per auto intelligenti, un sistema wi-fi che consente ai veicoli di dialogare fra loro condividendo in tempo reale le informazioni raccolte dai loro sensori per migliorare la sicurezza stradale. Questa tecnologia 'figlia' dell'Internet delle cose è stata messa a punto in Svizzera, al Politecnico Federale di Losanna (Epfl), e in futuro potrà facilitare manovre ad alto rischio di incidenti come i sorpassi, permettendo all'auto che supera di vedere anche ciò che sta fuori dal suo campo visivo grazie alla cooperazione dei sensori del veicolo davanti.

Il sistema è stato sperimentato con successo su due comuni auto elettriche, che i ricercatori hanno equipaggiato con una videocamera Mobileye (capace di calcolare il rischio di collisione), un sistema di localizzazione, un router per le comunicazioni wi-fi, un computer per far girare il software con gli algoritmi per la 'percezione cooperativa' e infine una batteria per alimentare l'intero apparato. "Queste non erano auto a guida autonoma, ma le abbiamo rese comunque intelligenti usando degli strumenti standard già disponibili sul mercato", spiega Alcherio Martinoli, responsabile del Laboratorio di algoritmi e sistemi per l'intelligenza distribuita (Disal).

Una delle difficoltà maggiori incontrate dai ricercatori è stata quella di integrare i dati provenienti dai due veicoli tenendo conto della loro posizione relativa nello spazio: questo per evitare un pericoloso 'sdoppiamento' della vista, con le auto che interpretano il passaggio dello stesso pedone come se in realtà ce ne fossero due.

Oltre a rendere la guida più sicura, il social network delle auto potrebbe ottimizzare la traiettoria dei veicoli, riducendo i consumi e migliorando i flussi del traffico. Rimangono però molte questioni aperte, come quella della responsabilità in caso di incidente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X