Giovedì, 14 Dicembre 2017
TRIBUNALE

Strage di Vittoria, per i mazzarinesi tanti dubbi

di

MAZZARINO. Le “false verità” dei pentiti e le contraddizioni, pure clamorose, di due diverse sentenze divenute già definitive. Sullo sfondo delle due facce della stessa medaglia v’è la strage di Vittoria ed i processi d’appello che si stanno celebrando. Uno, quello con rito ordinario, a carico del presunto boss di Mazzarino Giuseppe Selvaggio, ritenuto tra i mandanti della carneficina di San Basilio e di Claudio Calogero Cinardo, pure lui mazzarinese e già assolto per la strage ma non per mafia.

Il primo (difeso dall’ avvocato Ernesto Brivido) in Assise è stato condannato a 18 anni sia per strage che per associazione mafiosa. L’altro, Cinardo (difeso dagli avvocati Mario Brancato e Rocco Di Dio), sempre in primo grado è stato assolto per l’eccidio «per non avere commesso il fatto» e condannato a 3 anni per mafia. E in appello la procura generale di Catania ha già proposto l’ergastolo per Selvaggio e la pena a 3 anni per associazione mafiosa, come in primo grado, per Cinardo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X