Giovedì, 19 Luglio 2018
LA CERIMONIA

Un po' d'Italia agli Emmy Awards, tra i candidati The Young Pope di Sorrentino

sorrentino regista emmy awards, the young pope emmy awards, Paolo Sorrentino, Sicilia, Cultura
Fonte Ansa

LOS ANGELES. Stanotte a Los Angeles il meglio della televisione americana sarà premiata durante la cerimonia degli Emmy Awards, gli Oscar del piccolo schermo e quest’anno anche un po' di Italia concorrerà.

The Young pope di Paolo Sorrentino è infatti fra i candidati a questa 69esima edizione del premio organizzato dalla Academy of Television Arts and Sciences.

Il serial interpretato da Jude Law ha ottenuto una candidatura per il miglior production design e la migliore fotografia, ma a vincere i premi importanti saranno altri.

Uno fra Better Call Saul (spin-off dell’amatissima Breaking Bad), The Crown sulla vita della regina Elisabetta, il dramma politico House of Cards, la nuova
serie di Hulu The Handmaid’s Tale, il mistero di Netflix Stranger Things, Westworld e la novità di Fox This Is Us vincerà nella categoria migliore serie
drammatica, e tutte hanno buone possibilità di vittoria vista l'ottima qualità di esecuzione e l’esclusione del popolarissimo Trono di Spade che ha vinto le
ultime tre edizioni del premio e che è stato escluso dalle nomination a causa dell’uscita tardiva sul piccolo schermo.

Il fatto che sia Stranger Things che The Handmaid’s Tale, The Crown, Westworld e This Is Us siano tutte novità rende la corsa particolarmente interessante e difficile da pronosticare.

Fra le commedie il migliore sarà decretato fra le novità Atlanta, Black-ish e Master of None, e gli «storici» Modern Family, Silicon Valley, Umbreakable
Kimmy Schmidt e Veep. Per rendere le cose un po' più misteriose i produttori degli Emmy quest’anno hanno deciso di sparigliare le carte e non
assegnare i premi secondo il solito programma che vuole le donne premiate prima degli uomini, quindi per sapere chi vincerà fra Viola Davis (Le regole
del delitto perfetto), Claire Foy per The Crown, Keri Russell per The Americans, Evan Rachel Wood per Westwood, Robin Wright per House of Cards e Elisabeth Moss (The Handmaid’s Tale) occorrerà aspettare la fine della serata, cosi come accadrà per vedere molto probabilmente premiata Nicole Kidman, data già per vincitrice nella categoria mini-serie per la sua interpretazione in Big Little Lies.

Fra gli uomini concorrono nella sezione «serie drammatiche" Sterling K. Brown e Milo Ventimiglia per This Is Us, Anthony Hopkins (Westworld), Matthew Rhys per The Americans che a sorpresa non è fra le serie drammatiche in gara, Liev Schreiber per Ray Donovan, Kevin Spacey per House of Cards e Bob Odenkirk per Better Call Saul. Anche fra gli
uomini è difficile quest’anno fare previsioni, anche se forse lo spietato presidente Francis Underwood, Kevin Spacey già vincitore lo scorso anno e Bob Odenkirk, disperato avvocato di Better Call Saul hanno più possibilità rispetto ai concorrenti. Fra le limited series, oltre alla Kidman concorrono anche Felicity Huffman, Reese Witherspoon e Jessica Lange e Susan Sarandon per Feud, miniserie sull'eterna lotta delle due dive del passato Joan Crawford e Bette Devis che ha ottenuto ben 18 candidature. Fra gli uomini lo stesso premio andrà al migliore fra Riz Ahmed e John Turturro per The Night Of,
Benedict Cumberbatch (Sherlock: The Lying Detective), Robert De Niro (The Wizard of Lies) Ewan McGregor che recita due ruoli in Fargo 3, Geoffrey
Rush per la storia di Albert Einstein in Genius. Per DeNiro, che interpreta il re della truffa Bernie Madoff nella serie che racconta il caos seguito alla crisi
finanziaria e economica del 2008, si tratta della prima volta in tv, della prima volta agli Emmy e probabilmente, visto che in molti lo danno per vincente,
della prima volta con un Emmy fra le mani. Il premio alla miglior miniserie sarà conteso fra il favorito Big Little Lies, la terza stagione di Fargo, la storia
della eterna lotta fra Bette Davis e Joan Crowford, Feud: Bette and Joan, quella del genio di Einstein in Genius e infine il dramma targato HBO The Night Of. Fra i film per la tv il favorito è Black Mirror di Netflix che dovrà vedersela con la storia vera raccontata in The Immortal Life of Henrietta Lacks, Dolly Parton's Christ mas Of Many Colors: Circle Of Love, Sherlock: The Lying Detective e il racconto della truffa miliardaria di Bernie Madoff Wizard of Lies.

La cerimonia di premiazione sarà condotta da Stephen Colbert e si terrà al Microsoft Theater di Los Angeles. In Italia andrà in onda su Rai 4 dalle
22.45.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X