Martedì, 19 Settembre 2017

Bosch, crescita 7% per fatturato 2017 di Mobility Solutions

FRANCOFORTE (Germania) - Le trasformazione della mobilità favoriranno Bosch che, per la sua presenza pionieristica nel settore e per le sue capacità di innovazione, ricerca e sviluppo, si trova una posizione di assoluto vantaggio. Nel 2017, il fatturato del settore di business Mobility Solutions di Bosch - lo ha anticipato oggi a Francoforte durante la prima giornata del Salone IAA Volkmar Denner, presidente del board of management di Bosch - ''dovrebbe aumentare del 7%, arrivando a circa 47 miliardi di euro mentre nello stesso periodo la produzione globale di veicoli raggiungerà una crescita del 2,8%. Le nostre attività nel settore automotive continuano a crescere e rimarranno forti - ha ribadito Denner - e questo rafforza la nostra posizione in vista delle sfide della mobilità del futuro''. Al momento, lo sviluppo delle attività legate ai sistemi di assistenza alla guida è particolarmente sostenuto. Questi sistemi sono i precursori della guida autonoma. La crescita globale del mercato in questo segmento ha toccato il 25% e quella di Bosch è persino superiore, tanto che prevede già a partire dal 2019, il raggiungimento di un fatturato di 2 miliardi di euro grazie ai sistemi di assistenza alla guida. Per la fine di quell'anno, Bosch prevede che il numero dei collaboratori legati alla Ricerca e Sviluppo del settore Mobility Solutions aumenterà del 10%, arrivando a 48.000 unità.

Dal punto di vista tecnico, il percorso verso una mobilità a zero incidenti, zero stress e zero emissioni dovrà necessariamente passare per l'automazione, l'elettrificazione e la connettività.''Non è più semplicemente una questione di produrre auto migliori - ha detto Denner - Abbiamo bisogno di una nuova concezione di mobilità. Se vogliamo avere una mobilità ottimale in futuro, dobbiamo rivoluzionare i nostri principi attuali'' Una delle sfide più importanti è il miglioramento della qualità dell'aria nelle nostre città, già da oggi. Bosch vuole dare il proprio contributo a questi sforzi, sia migliorando i motori a combustione sia aumentando i propri sforzi nel campo dell'elettromobilità. Denner su questo tema ha detto:''Per noi, non si tratta di scegliere tra due opzioni. Vogliamo mantenere sempre aperta qualsiasi soluzione tecnologica, senza autolimitarci a una sola via''.

Nei motori a combustione, afferma Bosch, si possono ottenere vantaggi significativi usando combustibili sintetici.

Questi vengono prodotti con l'aiuto di energia rinnovabile e possono rendere i propulsori termici neutri dal punto di vista della CO2. Oltre al vantaggio della riduzione delle emissioni, i carburanti sintetici consentono inoltre di ridurre praticamente a zero la produzione di particolato, con conseguente taglio dei costi delle tecnologie di trattamento dei gas di scarico.

Molte anche le novità relative all'elettromobilità. E' il caso del nuovo e-Axle di Bosch che rende il sistema di propulsione elettrica più efficiente e conveniente per le Case automobilistiche e, di conseguenza, anche per il consumatore finale. Una soluzione che si aggiunge al sistema di propulsione elettrica a 48 Volt flessibile e facilmente scalabile, che si basa interamente su componenti già collaudati e in produzione.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X