Giovedì, 21 Settembre 2017

Edgardo Mannucci, alchimista della materia

  FANO (PESARO-URBINO) - ''Alchimista materico ed esistenziale'', Edgardo Mannucci (Fabriano 1904-Arcevia 1986) è stato uno dei precursori della scultura italiana del XX secolo nell'area informale, consacrato dalla sua posizione singolare e autonoma rispetto ad altri grandi come Ettore Colla e Alberto Burri. Una quarantina di opere dell'artista si possono ammirare fino al primo ottobre a Palazzo Bracci Pagani di Fano (Pesaro Urbino), dove è allestita la mostra "Edgardo Mannucci, la materia e il fuoco", dedicata a sculture e rilievi degli anni Cinquanta del secolo scorso. Con la partecipazione alle Quadriennali di Roma e alle Biennali di Venezia, Mannucci si impone in un periodo in cui l'arte italiana esprime i migliori artisti. Dai materiali grezzi a idee pure e nobili, dalla società rurale, dove era nato, a quella industriale, da un uso attento e consapevole della materia prima, crea forme libere nella materia. La mostra (il catalogo è di Enrico Crispolti) è a ingresso libero. Si può visitare tutti i giorni, lunedì esclusi, dalle 21 alle 24 fino al 17 settembre, e dalle 17 alle 20 fino alla data di chiusura.
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X