Venerdì, 24 Novembre 2017

Bmw vara programma ecomobilità con incentivi fino 2000 euro

ROMA - Bmw ha annunciato un importante programma riguardante la mobilità sostenibile e in particolare la riduzione delle emissioni generate dalle automobili. Tra i provvedimenti è inclusa una campagna per la rottamazione di vecchi modelli diesel (Euro 4, Euro 3, Euro 2, Euro 1 e Euro Zero) che dall'agosto al 31 dicembre 2017 prevede in tutti i mercati europei bonus per i clienti fino a 2.000 euro (a seconda del veicolo scelto) in caso di acquisto di modelli Bmw elettrici, ibridi o diesel Euro 6. Per il nostro mercato - precisa Bmw Italia - i dettagli non sono stati ancora definiti ed entro pochi giorni i clienti e la rete commerciale riceveranno le informazioni sull'attuazione della campagna, con l'elenco delle vetture Bmw e Mini che potranno beneficiare del bonus ed i relativi importi. ''La sostenibilità è una parte di noi come il puro piacere di guida - ha ribadito Harald Krueger, presidente del consiglio di amministrazione di Bmw AG - e con Bmw i siamo stati il primo produttore tedesco ad impegnarsi chiaramente nella mobilità elettrica. Oltre all'emozione e al piacere, siamo oggi convinti che la mobilità futura debba essere sostenibile. Stiamo guidando la transizione quanto più velocemente possibile e abbiamo lanciato veicoli elettrificati più di qualsiasi concorrente.

Tuttavia l'elettrificazione non è l'unica soluzione per un futuro sostenibile - ha sottolineato Krueger - e la mobilità dei prossimi anni dipenderà sicuramente anche da motori diesel di ultima generazione''. La decisa presa di posizione da parte della Casa di Monaco nei confronti dei 'detrattori' dei motori termici è ribadita da una precisa richiesta: Bmw Group chiede una discussione oggettiva basata su fatti e prove scientifiche, per arrivare a fare chiarezza sul ruolo che i propulsori a benzina e a gasolio hanno giocato in tema di inquinamento ambientale e potranno giocare proprio per proteggere l'ambiente.

I moderni ed efficienti motori diesel - ribadisce Bmw nella sua nota - garantiscono minori emissioni di CO2 e quindi contribuiscono in modo significativo alla tutela dell'ambiente.

Inoltre, quando si tratta di molte emissioni indesiderate, i diesel sono altrettanto puliti o addirittura più puliti della benzina. Un'affermazione che può essere fatta con certezza parlando di emissioni di particolato, di idrocarburi e di monossido di carbonio. Tutto questo - afferma la Casa di Monaco - significa che tre dei quattro principali problemi di inquinamento derivante dai diesel sono stati risolti e non hanno più alcun effetto negativo sulla qualità dell'aria. E' un dato lo conferma: secondo quanto riportato dall'Agenzia Federale Tedesca per la protezione dell'ambiente, i modelli diesel del Gruppo Bmw, Euro 5 ed Euro 6, emettono il 40% in meno di NOX della media degli altri veicoli in circolazione in Germania.

''La tecnologia diesel, che è all'avanguardia, altamente efficiente e popolare presso i clienti - ha sottolineato Krueger - è stata deliberatamente screditata da quasi due anni. Ciò ha causato enormi incertezze tra milioni di automobilisti e non ci porterà da nessuna parte. L'industria automobilistica della Germania - ha confermato il presidente del consiglio di amministrazione di Bmw AG - rimarrà forte nell'innovazione per fornire le soluzioni di mobilità di domani''. In questo ambito Bmw Group ha deciso di avviare una iniziativa di aggiornamento dei 225mila modelli diesel Euro 5 attualmente in circolazione in Germania offrendo un'ulteriore ottimizzazione del sistema di trattamento di scarico.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X