Sabato, 21 Ottobre 2017
METEO

Nuova ondata di caldo, dalla prossima settimana si torna a 40 gradi

ROMA. Masse d'aria nell'atmosfera, in una sorta di effetto domino, spostano le aree di influenza degli anticicloni. Così l'Anticiclone africano spinge prepotentemente verso il Mediterraneo scalzando il mite anticiclone delle Azzorre e i suoi effetti, caldo e afa, li sentiamo ormai da settimane.

Non è tutto: per gli esperti ci attendono estati sempre più bollenti, caratterizzate da temperature elevate. Ma intanto già dai primi giorni della prossima settimana l'Italia sarà investita da una nuova ondata di calore con temperature che potrebbero arrivare a sfiorare i 40 gradi. L'anticiclone africano avanza verso nord. Questo meccanismo innescato dal riscaldamento globale, secondo gli esperti, tende a modificare sempre più la circolazione generale delle masse d'aria nell'atmosfera, con la conseguenza, come in una sorta di effetto domino, di uno spostamento anche delle aree di influenza degli anticicloni.

"Questo fenomeno è alla base di tutti i cambiamenti climatici del pianeta, dal riscaldamento delle calotte polari, allo spostamento delle aree di influenza degli anticicloni", spiega Bernardo Gozzini, direttore del Consorzio Lamma (Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale) del onsiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

"L'anticiclone africano negli ultimi anni si è spostato un po' più a Nord rispetto alla sua normale posizione di convergenza, quindi sull'Africa settentrionale e sul Mediterraneo, spinto dal monsone africano", osserva l'esperto. "La conseguenza è che l'aria calda che si forma sull'altopiano algerino raccoglie umidità passando sul Mediterraneo per arrivare calda e umida sui Paesi europei dell'area. Gli effetti sono quelli che abbiamo già visto in giugno, quando una cappa di caldo afoso ha investito la nostra penisola, la Spagna e la Francia meridionale e prima ancora il Portogallo".

Condizioni climatiche tali tenderanno a ripetersi anche nei prossimi anni, secondo Gozzini, "portando sempre più siccità con conseguente rischio di incendi sui nostri territori, ma anche di danni alla nostra salute". Intanto torneremo a sentire gli effetti dell'Anticiclone Africano già dall'inizio della prossima settimana con l'arrivo di una nuova ondata di caldo, la quinta della stagione, che porterà sole e temperature decisamente sopra le medie, fino a picchi che potranno avvicinarsi ai 40 gradi nel corso della settimana in molte zone del Centrosud e della pianura padana orientale.

Questa nuova ondata di calore "non interesserà solo noi, ma anche Spagna, Corsica, e Francia meridionale", sottolinea l'esperto, che non ripone alcuna speranza nell'arrivo di piogge provvidenziali, "almeno fino al 10 di agosto, eccetto qualche temporale sulle Alpi", ma, assicura, gli effetti del caldo cominceranno ad attenuarsi già dal 5 agosto in poi".

3bmeteo.com comunica le previsioni del tempo sull'Italia per i prossimi giorni.

SABATO 29 LUGLIO Al Nord soleggiato al mattino, dal pomeriggio temporali in formazione sulle Alpi in propagazione entro sera anche alle pianure. Temperature stazionarie, massime tra 31 e 34. Al Centro bel tempo prevalente, pur con locali addensamenti sulla Toscana settentrionale associati in serata a qualche piovasco. Temperature poco variate, massime tra 29 e 34. Al Sud in prevalenza soleggiato, seppur con qualche sparuto annuvolamento diurno lungo i rilievi appenninici ma senza fenomeni. Temperature stabili, massime tra 28 e 31.

DOMENICA 30 LUGLIO Al Nord nubi sparse e schiarite, più ampie sulle zone di pianura. Nel pomeriggio qualche breve temporale in formazione lungo le zone alpine. Temperature in lieve rialzo, massime tra 31 e 35. Al Centro bel tempo prevalente, pur con qualche addensamento diurno sulla dorsale, associato a qualche isolato piovasco. Temperature in rialzo, massime tra 30 e 35. Al Sud in prevalenza soleggiato, seppur con qualche addensamento sparso diurno per lo più innocuo sui rilievi appenninici. Temperature in rialzo, massime tra 30 e 32.

LUNEDI' 31 LUGLIO Al Nord una bella giornata di sole su pianure e pedemontane. Un po' di variabilità diurna sulle Alpi ma con fenomeni alquanto sporadici. Temperature in ulteriore aumento, massime tra 32 e 37. Al Centro bel tempo prevalente, pur con qualche addensamento diurno sulla dorsale, ma difficilmente associato a fenomeni. Temperature in rialzo, massime tra 31 e 36. Al Sud in prevalenza soleggiato, pur con qualche addensamento sparso diurno abbastanza innocuo sui rilievi appenninici. Temperature in rialzo, massime tra 31 e 33.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X