Mercoledì, 23 Agosto 2017

Charlie, giovedì nuova udienza

Salute e Benessere
Chris Gard e Connie Yates stringono la mano al piccolo Charlie
© ANSA

Il tribunale britannico ha deciso che si dovrà tenere una nuova udienza sulla cura sperimentale per il piccolo Charlie Gard. La prossima udienza è stata fissata per giovedì prossimo. Il giudice Nicholas Francis al termine di quella preliminare di oggi ha affermato che i genitori potranno quindi esporre le "nuove informazioni" che dicono di avere sulla cura sperimentale per il bimbo di 11 mesi ricoverato a Londra.

I dottori britannici restano dell'idea che le cure non possano avere alcun effetto benefico sul piccolo malato ma di fronte alla mobilitazione internazionale, da parte di Usa e Italia, si sono nuovamente rivolti all'autorità giudiziaria. Intanto l'attenzione dei media è massima, coi tabloid del Regno che sperano nel "miracolo per Charlie" e alcune emittenti che si schierano con la famiglia Gard. 

Radicali, grati a Cappato per il dibattito su fine vita
"Ogni cittadino deve essere grato a Marco Cappato, perché al processo porterà l'irresponsabilità di uno Stato che nega ai cittadini diritti e libertà di scelta. Aiutando Dj Fabo ad affermare la sua volontà e autodenuciandosi alle autorità giudiziarie, Cappato ha permesso di aprire finalmente un dibattito pubblico nel paese sul fine vita, smascherando l'ignavia del Parlamento. Se l'Italia avrà una legge sul biostamento sarà soprattutto grazie alle lotte nonviolente e alle disobbedienze civili radicali, proprio come per le principali conquiste di civiltà da mezzo secolo a questa parte: quelle che Beppe Grillo bolla come "disgrazie". A Marco va tutto il nostro sostegno in questa battaglia difficile, che continueremo a portare avanti insieme per affermare la libertà di scelta dei cittadini, fino alla fine". Lo afferma Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani.

 

Caso Charlie Gard, per l'Osservatore Romano è la mercificazione di una sciagura

'Bambino senza difesa, servirebbe fare silenzio' 

ROMA - Nella vicenda del piccolo Charlie si assiste alla "mercificazione" di "una sciagura familiare.  Giornalisti affamati di notizie ed esperti di vario tipo si nutrono di questioni come questa per mestiere. I commenti di costoro possono essere come tante pietre lanciate contro un bambino senza difesa e i suoi genitori allo sbaraglio". Invece Gesù "aspetterebbe che si faccia silenzio" per "ritrovare nel silenzio il mistero della vita". Così l'Osservatore Romano interviene sul caso Charlie con un commento firmato da Gianpaolo Dotto

Si riaccende la speranza per il piccolo Charlie dopo il protocollo del Bambino Gesu'. L'ospedale Great Ormond Street, dove è ricoverato il piccolo, dice che "è giusto tentare la cura, ne siamo convinti insieme ai genitori". "I due ospedali internazionali e i loro ricercatori - aggiunge - ci hanno comunicato nelle ultime 24 ore di avere nuovi dati a proposito del trattamento sperimentale da essi proposto", ha spiegato la struttura che poco prima si era rivolta all'Alta Corte per una nuova udienza sul caso. 

"Mi è giunta notizia che i ricercatori hanno messo a disposizione il loro trattamento per l'ospedale di Londra il quale pensa di poterlo verificare", ha confermato in videomessaggio dalla Repubblica Centrafricana, dove si sta occupando di bambini bisognosi, la presidente dell'ospedale Bambino Gesù, Mariella Enoc. "Ringrazio molto tutte le persone che fanno ricerca - ha aggiunto - perché noi non sappiamo quanto è la loro fatica e la loro soddisfazione non è mai economica ma è quella di salvare vite. Sono contenta per la mamma e il papà di Charlie, che hanno una piccola speranza, e per l'opportunità che a questo bambino viene data. Noi non sappiamo quali risultati ci saranno ma sappiamo che dobbiamo credere nella scienza e dobbiamo continuare a darle la possibilità di andare avanti"

''Ci sono evidenze'' in laboratorio che il protocollo può funzionare aveva scritto il Bambino Gesù in una lettera indirizzata al'ospedale londinese. Il testo del documento, su carta intentata dell'Ospedale romano, dove sono state omesse le firme dei medici, e' stato postato dalla zia del bambino sul profilo Facebook di sostegno, Charlie's Army. 

Gli esperti della equipe internazionale che ha redatto il documento propongono una terapia a base di deossinucleosidi, delle molecole simili ai 'mattoni' del Dna. Nel documento dimostrano, sulla base di studi già su riviste scientifiche e di dati ancora non pubblicati, che queste molecole sono in grado di superare la barriera emato-encefalica, quella che separa i vasi sanguigni dal cervello, e quindi avere effetto sull'encefalopatia che ha colpito il piccolo. "Esistono evidenze scientifiche - scrivono - a sostegno del fatto che i deossinucleotidi esogeni applicati a cellule umane con mutazione RRM2B in coltura, accrescono la replicazione e favoriscono il miglioramento della sindrome da deplezione del DNA".

La mutazione a cui si riferiscono i medici è la stessa che colpisce il piccolo. "Siamo consapevoli - concludono gli esperti - del fatto che la terapia con deossinucleotidi per il deficit RRM2B sia sperimentale e, in teoria, dovrebbe essere testata su modelli murini. Tuttavia, non c'è tempo sufficiente per svolgere questi studi e giustificare il trattamento per Charlie Gard, che è affetto da una grave encefalopatia dovuta a mutazioni RRM2B. Alla luce di questi importanti nuovi risultati riguardanti la biodisponibilità dei deossinucleotidi somministrati per via esogena nel sistema nervoso centrale, chiediamo rispettosamente che questa terapia possa essere somministrata a Charlie Gard".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook