Venerdì, 18 Agosto 2017

A Stabiae riemerge giardino età romana

Viaggi
© ANSA

 CASTELLAMMARE DI STABIA (NAPOLI) - Uno studio archeobotanico nella Villa Arianna a Castellammare di Stabia (Napoli), dimora della Stabia sepolta dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C, che distrusse anche Pompei ed Ercolano, ha rilevato uno dei giardini più grandi mai rinvenuti in un contesto abitativo di età romana. Un'architettura imperiale, triplici filari di palme e di platani e radici di centinaia di piantine da fiori che disegnano aiuole. Lo ha annunciato Thomas Noble Howe, dell'Università del Maryland, coordinatore generale scientifico della Fondazione Ras, a conclusione della stagione di ricerche per Stabiae, a Castellammare di Stabia. Alla campagna di scavo hanno collaborato ricercatori del Museo Statale Ermitage, di San Pietroburgo, coordinati da Alexander Butyagin, insieme con Paolo Gardelli, archeologo. Gli studiosi hanno indagato e scavato una superficie di circa 44 mq nell'ambiente 71 di Villa Arianna, opera condotta con gli studenti delle università americane e russe.
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook