Martedì, 24 Ottobre 2017

Maradona è cittadino onorario di Napoli, in 10 mila salutano El Pibe De Oro

NAPOLI. Erano in 10 mila circa in piazza del Plebiscito, per celebrare insieme a Diego Armando Maradona, neo cittadino onorario, il primo scudetto del Napoli, conquistato nel 1987.

Tanti, ma non quanti si attendevano gli organizzatori e la stessa Questura di Napoli, che aveva blindato la piazza con i new-jersey anti-veicoli e predisposto un rigoroso sistema di filtraggio, che prevedeva un massimo di 32 mila presenti.

C'erano quelli che gli anni degli scudetti e delle Coppe conquistate da Diego li hanno vissuti in prima persona, ma anche i loro figli, e tanti ragazzi che di Maradona hanno conosciuto solo i video ed i racconti di genitori e nonni. L’ex «Pibe de oro» è salito sul palco solo a metà spettacolo, dopo l’ esibizione di cantanti e gruppi musicali, accolto da cori di entusiasmo.

Ma la seconda giornata di Maradona, giunto a Napoli per ricevere la cittadinanza onoraria del sindaco De Magistris era stata contrassegnata da annunci e smentite, in un clima teso anche per quanto accaduto a Palazzo San Giacomo, preso d’ assalto stamattina da un gruppo di manifestanti di un Centro sociale, che ha travolto gli agenti della Municipale di guardia, ferendone uno, ed ha occupato la Sala della Giunta.

De Magistris, dopo che ieri striscioni di contestazione firmati dagli Ultrà della Curva A, lo accusavano di cercare solo "soldi e pubblicità», ha annunciato che la consegna della cittadinanza onoraria, prevista in piazza del Plebiscito, sarebbe stata spostata in Comune. Negativa la risposta dello staff di Maradona.

E’ cominciata così una estenuante trattativa, condotta da due stretti collaboratori del sindaco, per convincere l’ex fuoriclasse argentino a recarsi a Palazzo San Giacomo.

«Andrà solo in piazza», filtrava dal suo staff.

«La presenza al Comune non era prevista». «Andrà a Palazzo San Giacomo solo dopo lo spettacolo». La preoccupazione di Maradona era quella di non apparire distante dai gruppi del tifo organizzato, che, comunque, in piazza non sono andati.

Alla fine, con un’ora di ritardo, Maradona è giunto in Comune, dove nell’androne era stata sistemata una pedana con il Gonfalone della Città, ed ha ritirato (e baciato) la pergamena della cittadinanza onoraria. De Magistris (assente allo show) lo ha abbracciato. «Con lui la città ha dimostrato di saper vincere», ha detto.

E lui: «Sono stato napoletano dal primo giorno che sono arrivato. Nessuno mi ha voluto bene come voi».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X