Venerdì, 21 Luglio 2017

Elezioni regionali in Sicilia: rischio astensione sopra il 50%, bocciato il governo Crocetta

PALERMO. Se si votasse oggi per le Elezioni Regionali in Sicilia, oltre 2 milioni e mezzo di cittadini resterebbero a casa.

Su 4 milioni e 600 mila elettori, si recherebbero alle urne circa 2 milioni di siciliani, molto meno della metà degli aventi diritto.

È quanto emerge da un'analisi condotta dall'Istituto Demopolis a 4 mesi dal voto del 5 novembre per l'elezione del nuovo Presidente della Regione ed il rinnovo dell'Ars pubblicata oggi da alcuni quotidiani.

"Si avverte - afferma il direttore di Demopolis Pietro Vento - una chiara compromissione della fiducia dei cittadini nei partiti e nelle istituzioni regionali. Una larga maggioranza dei siciliani appare convinta che la politica, anche per assenza o cattiva gestione delle risorse, non sia più in grado oggi di incidere sulla vita reale delle famiglie e sulle prospettive delle nuove generazioni". La fiducia nei partiti, come emerge dal trend del Barometro Politico Demopolis, raggiunge il suo minimo storico e crolla al 4%: 16 punti in meno rispetto a 10 anni fa. Èuna regione, la Sicilia, che paga, in modo rilevante, gli effetti della crisi degli ultimi anni: il 53% di chi vive nell'Isola ritiene peggiorata, rispetto a 5 anni fa, la situazione economica della propria famiglia, che rimane invece più o meno uguale per il 42% dei cittadini intervistati da Demopolis. Durissimo è il giudizio dei siciliani sulle mancate politiche per la crescita e per il lavoro da parte della Regione. L'85% dei cittadini valuta negativamente le Politiche per lo sviluppo e l'occupazione attuate in Sicilia negli ultimi anni dal Governo Regionale. "Il riflesso sui partiti e sulle istituzioni politiche regionali - aggiunge il direttore dell'Istituto Demopolis - è evidente e si riflette in una grave disaffezione al voto: in assenza di nuovi segnali di fiducia, l'area dell'astensione rischia, il 5 novembre, di andare oltre qualunque quota fisiologica".

Con l'eccezione del Movimento 5 Stelle, che domenica prossima dovrebbe lanciare la candidatura di Giancarlo Cancelleri, degli Autonomisti e del Movimento "Diventerà Bellissima" di Nello Musumeci, le altre forze politiche sembrano faticare nell'identificazione del proprio candidato: la scelta, dopo la rinuncia del presidente del Senato Piero Grasso, appare particolarmente difficile per il PD su cui pesa, in modo più rilevante, l'eredità del Governo Crocetta.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook