Lunedì, 11 Dicembre 2017

Sguardi d'autore per Montesano Salentino

Viaggi
© ANSA

MONTESANO SALENTINO (LECCE)  - È sufficiente visitare Montesano Salentino, il comune a sud di Lecce in cui vivono le 2.700 persone che hanno eretto l'unico monumento alla gentilezza esistente in Italia, per comprendere chi si indigna dinanzi alle proposte di costruire megastrutture alberghiere in Salento. E per capire come mai questa parte non 'chiassosa' del Tacco d'Italia, sia la meta preferita da turisti italiani e stranieri, molti dei quali restano a vivere qui. Per rivelare i segreti del paese che ama raccontare e difendere la sua identità, la giornalista del luogo, Gabriella Della Monaca, con un tour organizzato dal Comune di Montesano Salentino, ha invitato il fotoreporter vincitore di un World press photo, Manoocher Deghati; la sceneggiatrice e giornalista Antonella Gaeta; e un membro del gruppo salentino Sud Sound System, il cantante Nando Popu. A loro ha affidato il compito di scrivere un racconto sul viaggio tra il passato e il futuro di Montesano Salentino. Lasciandosi ispirare, ad esempio, dalla Padula Mancina, un luogo incantato tra le campagne di Montesano, che ancora oggi porta il nome che gli diedero gli anziani. L'Unione europea ha riconosciuto la Padula Mancina Sito di interesse comunitario (Sic), perché questa è la casa della pianta Marsilea Strigosa, una specie presente solo qui e in Sardegna. Nella Padula Mancina, dove gli stagni si formano e scompaiono come per magia, non è raro vedere gli aironi librarsi in volo mentre il gracchiare delle rane li saluta. Manca poco, oramai, al giorno in cui Montesano Salentino si popolerà di decine di migliaia di fedeli, curiosi, e malati attratti ogni anno dalla potenza guaritrice di San Donato, protettore dei malati di mente e degli epilettici. Ancora oggi si ripete il rito dei numerosi pellegrini che nei giorni della festa del Patrono, dal 6 al 9 agosto, dormono all'interno della Chiesa e, alla vista della statua del Santo, si rotolano per terra e urlano frasi incomprensibili, come fossero posseduti, chiedendo la grazia di essere liberati dalla sofferenza. Il paesaggio di Montesano, a pochi minuti da un mare che lascia senza fiato. I monumenti tra cui il Palazzo Bitonti, il Calvario e la Chiesa madre. Le tipicità della cucina di Montesano e il rito del pane fatto in casa col 'lievito madre'.
    La maestria dei fratelli Margarito nella lavorazione della pietra leccese trasformata in opere richieste anche in Cina; e la tradizione dei 'Traìni', i carretti trainati dai cavalli, con la visita a casa del suo primo costruttore ormai scomparso, Silvestro Maglie. Montesano Salentino offre ancora una sorpresa ai suoi visitatori: è la casa dell'artista Giuseppe Corrado, premiato nel 2012 a Parigi quale migliore scultore vivente.
    Scomparso prematuramente a 56 anni, Corrado dipingeva e modellava la materia che sfidava a piegarsi al suo volere. E la sua abitazione custodisce solo alcune delle opere che meriterebbero di essere esposte, tutte, in un museo. (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X