Mercoledì, 20 Settembre 2017

La Cina incontra il Salento a Specchia

SPECCHIA (LECCE) - Per la prima volta la cultura cinese, con il suo complesso bagaglio artistico e letterario, insieme alla capacità dello stare insieme, da vivere secondo i precetti tanto cari a quell'antica filosofia, segnata da grandi maestri come Lao Tzu e Confucio, che ancora oggi animano lo spirito della Cina: equilibrio, armonia e pace, sbarca in una delle terre più affascinanti d'Italia per un connubio di indubitabile interesse. Si inaugura domenica 2 luglio alle 21.30 ''La Cina si Specchia. Settimana della cultura cinese nel Salento', a Specchia appunto, uno dei Borghi più belli d'Italia nella provincia di Lecce. Si tratta della prima edizione nel Salento, di un appuntamento dedicato alla cultura cinese completo, profondo e importante, e avrà come scenario Palazzo Risolo Protonobilissimo a Specchia appunto. L'evento è organizzato dal Comune di Specchia, in collaborazione con l'Associazione Culturale Il Filo di Seta, è patrocinato dall'Ufficio Culturale dell'Ambasciata Cinese a Roma, Unione Europea, Regione Puglia, Liceo Linguistico Statale Francesca Capece di Maglie, Università La Sapienza di Roma, Università del Salento, Conservatorio Tito Schipa di Lecce. L'evento vanta soprattutto una fondamentale e entusiasta collaborazione direttamente dalla Cina, dalla quale sono arrivate nel Salento le delegazioni del Feng Jicai Institute of Literature and Art, Tianjin University, Gozone Art Museum di Songzhuang, Beijing Gongmei Group e Ufficio Culturale del Comune di Tongzhou, Pechino. In mostra, si vedrà per la prima volta in Italia, una collezione di Cavalli di Carta (Zhi Ma) da varie aree in Cina, frutto di anni di sforzi, di studi, e ricerche del Centro di Ricerca sui Quadri di Capodanno Cinesi con Matrici in Legno, Feng Jicai Institute of Literature and Art, Università Tianjin. Feng Jicai è uno dei piu' noti e importanti scrittori cinesi, anche se è ancora poco conosciuto in Italia. Arriverà a Specchia anche il gruppo di viaggio in camper 'One Belt One Road in Europe' organizzato e diretto dal Gozone Art Museum, partito da Pechino dopo varie tappe negli altri paesi europei presenterà nel borgo salentino numerose opere di pittura tradizionale cinese e calligrafia, di pittura contemporanea, di vari artisti cinesi. Ci sarà in esposizione l'opera speciale artigianale 'Cremonese 1715' violino d'oro e argento fatto a mano di Beijing Gongmei Group, che vanta più di 300 studi, aziende e fabbriche artigianali e realizza la maggior parte dei regali nazionali del governo cinese. Inoltre, si vedrà anche una collezione di opere artigianali del Patrimonio dei Beni Culturali Immateriali Cinesi concessa dall'Ufficio Culturale del Comune di Tongzhou. L'evento offrirà a tutta la cittadinanza e il pubblico nazionale e internazionale l'opportunità per approfondire scambi di conoscenza e promuovere momenti di incontro tra le due culture. L'offerta dell'evento è ricca e molteplice: si passa dalla mostra d'arte alla suggestiva camminata con le lanterne della pace, dalle conferenze di arte, cultura, filosofia alle proiezioni di documentari, dall'esibizione e lezioni aperte di Tai Ji quan, Shaolin quan e Qigong, dalla dimostrazione e workshop di calligrafia alle esperienze con la lingua cinese coinvolgendo i bambini con giochi, canti, danze, giochi e filastrocche.
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X