Sabato, 20 Ottobre 2018
LA RELAZIONE

Corte dei Conti contro la Regione:
"Un dirigente ogni 9 dipendenti
è colpa del clientelismo"

clientelismo, Corte dei conti, dirigenti regione siciliana, Pino Zingale, Sicilia, Economia
Pino Zingale

PALERMO. «Al 31 dicembre 2016, i dipendenti a tempo indeterminato della Regione Siciliana, esclusi i dirigenti, erano 13.372 e, cioè, 767 unità in meno rispetto al 2015. Alla stessa data, i dirigenti della Regione a tempo indeterminato erano 1.411, con una diminuzione quindi di 150 unità rispetto al 2015. Il rapporto tra dirigenti e restante personale regionale è rimasto invariato rispetto al 2015 e, cioè, un dirigente ogni 9 dipendenti: una proporzione del tutto irragionevole ed abnorme, frutto, in larga parte, di scriteriate scelte politico/clientelari del passato, estranea a qualsivoglia sano principio di gestione sia in campo pubblico che privato. In Lombardia, ad esempio, il rapporto è di circa 1 a 13, mentre nel Lazio è di circa 1 a 15».

Lo ha detto il procuratore generale d’Appello Pino Zingale nel corso della requisitoria sul giudizio di parificazione del Bilancio della Regione Siciliana. «Al personale a tempo indeterminato - ha aggiunto Zingale - va, però, aggiunto il personale «esterno» a tempo determinato (656 unità, con un lieve aumento rispetto al 2015 con 641 unità) e, pertanto, il totale dei dipendenti regionali, compresi i dirigenti, sempre alla fine dell’anno 2016 si attesta a 15.439, mentre nel 2015 erano 16.341, con una diminuzione di 902 unità. Inoltre, considerando il contingente dei soggetti ai quali è stato esternalizzato un servizio e il personale utilizzato ad altro titolo (Resais, Eas, Esa...) si perviene a 18.075 unità, inferiore di 932 unità rispetto al 2015. Nonostante tutto, nel corso del 2016 la spesa per il personale regionale è stata di 629 milioni 171 mila euro, con una diminuzione di 66 milioni 302 mila euro rispetto al 2015».

«La Procura generale, anche al fine di dare consapevole risposta ad alcune anomalie rilevate dai media, ha posto la propria attenzione sulla gestione di quello che è il vero "oro nero" della nostra Isola: il patrimonio artistico e archeologico della Regione che costituisce il 25% di quello italiano, il quale è, a sua volta, il 50% di quello mondiale», continua Zingale

«In gran parte dei siti archeologici mancano gli archeologi (al Parco Archeologico Valle dei Templi di Agrigento solo recentemente sono stati assegnati tre archeologi, mentre il Parco Archeologico di Naxos è privo di architetti, geometri, restauratori, storici dell’arte ed ha una sola archeologa, figura, quest’ultima, che è del tutto assente presso il Parco Archeologico di Selinunte) - ha aggiunto Zingale - e più di un museo è del tutto privo di restauratori. Il personale di vigilanza e fruizione è inadeguato e, per espressa ammissione dei singoli direttori dei siti».

«Nonostante le complesse problematiche va sottolineato che i dati relativi ai visitatori nei luoghi della cultura in Sicilia - ha concluso - hanno registrato un incremento di presenze, segnando nel 2016 un nuovo record: 4,4 milioni di ingressi hanno portato incassi per oltre 23 milioni di euro, con un incremento rispettivamente del 11,8% e del 13,5% rispetto al 2015, che corrispondono a circa 400 mila visitatori in più e a maggiori incassi per 2,8 milioni di euro».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X