Venerdì, 20 Ottobre 2017
VERTICE A BERLINO

Migranti, Gentiloni: Italia sotto pressione, chiediamo un aiuto

BERLINO. "Siamo sotto pressione e chiediamo il contributo concreto dell'Europa". E' nello scarto tra gli impegni politici e la realtà, il problema che l'Italia pone a Bruxelles e ai governi europei. Più di 70mila migranti sono sbarcati sulle coste italiane dall'inizio dell'anno. Perciò Paolo Gentiloni ripete più volte quell'aggettivo, "concreto".

E trova il sostegno di Angela Merkel e la sponda del presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker, secondo cui gli "sforzi eroici di Italia e Grecia vanno sostenuti". Ma Emmanuel Macron frena, ponendo una serie di distinguo. E allora il premier italiano va al punto: "Abbiamo internazionalizzato le operazioni di salvataggio ma l'accoglienza resta di un Paese solo".

Perciò ora chiede entro mercoledì un segnale tangibile di un cambio di passo o si passerà al blocco navale. Gentiloni pone con determinazione il tema a Berlino, in un vertice dei paesi europei in vista del G20: la "strategia" abbracciata dall'Ue, anche su iniziativa italiana, è giusta, ma ora si deve "accelerare" sulle risposte.

Il premier lo spiega prima in un colloquio informale con Merkel, Macron, l'inglese Theresa May e l'olandese Mark Rutte, poi nella riunione preparatoria del G20. E incassa un forte sostegno politico. Ma anche, da parte del presidente francese, una disponibilità all'aiuto "condizionata": Parigi è pronta a fare "la sua parte - dice Macron - sui richiedenti asilo" ma frena sui migranti per motivi economici, che sono "l'80% di quelli che arrivano in Italia".

E così, mentre difende la linea dura adottata a Ventimiglia, Macron mette a nudo resistenze diffuse nei Paesi Ue e difficoltà nel tradurre gli impegni in azioni concordate. "Aiuteremo l'Italia, ci sta a cuore", dice Merkel, prendendo la parola in risposta a una domanda non rivolta direttamente a lei. La cancelliera sottolinea il nodo Libia e rinvia al vertice di Tallin, che vedrà mercoledì riuniti i ministri dell'Interno dell'Ue, per "soluzioni concordate".

Il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk annuncia che porrà anche sul piatto del G20 la proposta di sanzioni per i trafficanti: il tema va affrontato, spiega, in sede Onu anche valutando una black list. "Concederemo ogni aiuto possibile all'Italia", afferma lo spagnolo Rajoy. Gentiloni elenca i fronti su cui il governo chiede di agire: "Discutere del ruolo delle ong, della missione Frontex, delle risorse per lavorare in Libia e negli altri paesi africani, di allargare i programmi di ricollocamento".

Sul tavolo mettiamo da un lato l'impegno umanitario e il "rispetto delle regole", dall'altro la pistola fumante del possibile blocco dei porti all'approdo delle navi che salvano migranti. Al momento, spiegano fonti diplomatiche, il capitolo risorse è quello su cui è più facile ottenere risposte, viste le resistenze di numerosi paesi sui ricollocamenti.

Ma all'Italia non basta più: "Il nostro sistema di accoglienza è a dura prova", avverte Gentiloni. Che sul tema può contare sul pieno sostegno del presidente Sergio Mattarella, che si sta spendendo molto anche nel rassicurare i partner internazionali sulla stabilità del Paese in un momento delicato come la fine della legislatura. Nel dibattito interno, intanto, lo scontro politico sul tema migranti si infiamma. "Il responsabile del disastro immigrazione è uno solo: Matteo Renzi", scrive Beppe Grillo.

La situazione è "fuori controllo", incalza Silvio Berlusconi. E Matteo Salvini invoca il "blocco navale subito". Ma Renzi mette i puntini sulle "i": le responsabilità, sottolinea, hanno radici nel passato, quando il governo Berlusconi, con Maroni all'Interno, firmò l'accordo di Dublino. Quell'accordo l'Italia ha chiesto di rivederlo. Ma in concreto, è ancora tutto fermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X