Martedì, 22 Maggio 2018
CHIESA

Comunione ai divorziati risposati: "Possibile in alcuni casi"

di

PALERMO. Essere realisti e guardare alle situazioni concrete di fragilità delle singole persone e delle famiglie. Con particolare attenzione ai separati e divorziati che vivono nuove unioni, ma finora esclusi dai sacramenti.

La Chiesa siciliana, dopo oltre un anno di riflessione e approfondimento, offre alcuni «Orientamenti pastorali» comuni per le diciotto diocesi dell’Isola e apre in maniera concreta e irreversibile alla Comunione ai divorziati risposati. Non una fuga in avanti, ma un documento pensato e condiviso alla luce delle indicazioni contenute nella esortazione apostolica Amoris Laetitia, con cui papa Francesco oltre un anno fa ha sintetizzato i risultati del sinodo sulla famiglia.

In quattordici pagine chiare e schematiche i vescovi della Sicilia (primi in Italia) mettono nero su bianco le indicazioni pastorali su come accompagnare, discernere e integrare la fragilità.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X