Venerdì, 17 Agosto 2018
DOPO LO STOP

Mansioni superiori, è bufera. I sindacati contro la Regione: "Si rischia la paralisi degli uffici"

di
dipendenti, mansioni superiori, polemica, regione sicilia, sindacati, Sicilia, Politica
L’assessore regionale alla Funzione pubblica, Luisa Lantieri

PALERMO. Scoppia la polemica dei sindacati sul caso dei 4.500 dipendenti di fascia A e B che alla Regione non possono svolgere più mansioni superiori e rischiano di dover tornare a fare ad esempio archiviazione, protocollo e fotocopie.

“Si rischia la paralisi nei Centri provinciali per l’impiego”. A lanciare l’allarme è la Funzione pubblica Cgil siciliana che commenta così l’intenzione di inibire l’uso delle password ai dipendenti di categoria A e B per l’accesso al portale Anpal e al sistema informativo lavoro. La Cgil rilancia la richiesta al Governo regionale di “apertura immediata di un tavolo contrattuale per definire i percorsi di riqualificazione del personale, dando a tutti la giusta collocazione”.

“Provvedimenti di questo genere, che rischiano di avere gravi ripercussioni sul funzionamento degli uffici - dice Clara Crocè, della segreteria della Fp Sicilia-  e fanno luce sul fatto che in questi anni i lavoratori  di fascia A e B sono stati sfruttati  espletando mansioni superiori, senza riconoscimento giuridico ed economico, come è avvenuto anche nelle motorizzazioni e negli Ispettorati del lavoro  e in altri uffici per coprire i vuoti di organico”.

Croce ricorda che la sua organizzazione si è sempre detta contraria alla stabilizzazione dei precari nelle fasce A e B indipendentemente dalle mansioni svolte, “che ha di fatto prodotto uno sfruttamento di questi lavoratori da parte della regione per poco più di mille euro al mese e che ora rischia pure di portare alla paralisi gli uffici”.

La Fp annuncia dunque lo stato di agitazione del personale della regione e “iniziative anche legali a tutela dei lavoratori che hanno operato in questi anni in fascia A e B”. “La categoria A – dice Crocè- non ha ragione di esistere e va anche ricollocato il personale di categoria B e C in previsione dei pensionamenti che vedranno svuotarsi le categorie C e D”.”E’ arrivato il momento- conclude Crocè- di affrontare la questione alla base, con un negoziato che conduca alla corretta ricollocazione del personale”.

L’assessore Lantieri ha comunicato di voler incontrare l’assessore Mangano e la dirigente Bullara per chiarire la questione, ma i sindacati sono già sul piede di guerra. “Il timore – dicono Luca Crimi ed Enzo Tango della Uil Fpl – è che senza i collaboratori si voglia fare ricorso all’esterno. Chiediamo il rinnovo dei contratti con la riclassificazione e la ricollocazione, partendo dalle fasce più basse. Nel 2022 non ci saranno più istruttori e funzionari, il ricambio è quindi necessario e non mancano certo le professionalità interne. Non servono nuovi concorsi, solo una gestione più trasparente del comparto”.

Dura anche la Cisl Fp: “Se non si interviene subito, la Regione esploderà - dichiarano Gigi Caracausi e Paolo Montera - le manovre di prepensionamento stanno impoverendo il personale regionale. Da una Regione con ventimila dipendenti, certamente troppi, secondo i nostri numero passeremo nel 2020 a circa undici mila unità. La metà di questi, di categoria A e B. Se non vogliamo che la macchina si blocchi diventa improcrastinabile il rinnovo del contratto e una contestuale riclassificazione del personale”.

E i Cobas-Codir ricordano che "Alla Regione siciliana non si espleta un concorso interno dal 1986. Nel confermare lo stato di agitazione del personale, invitiamo tutte le forze sindacali a uno sforzo comune per arrivare alla mobilitazione di tutti i lavoratori verso la protesta di tutto il comparto Regione. Al contempo, invitiamo tutti i lavoratori a rifiutarsi di svolgere mansioni superiori per mettere la politica davanti alle proprie responsabilità. È giunto il momento di sdoganare 4.800 ex giovani laureati e diplomati dal ricatto delle mansioni”.

E Francesco Madonia dei Sadirs annuncia: “La Regione schizofrenica, utilizza per anni il personale di categoria A e B in mansioni superiori e improvvisamente li ridemansiona creando il caos negli uffici. Il Sadirs indice lo stato di agitazione del personale. Adesso subito la riclassificazione”

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X