Lunedì, 25 Settembre 2017
PARLAMENTO UE

Terremoto nel Centro-Italia, Tajani: "Dall'Europa aiuti fino a due miliardi"

sisma centro italia, terremoto centro italia, Antonio Tajani, Sicilia, Economia
Antonio Tajani

ROMA. Sul terremoto in Centro Italia «l'Europa si è mossa subito» e potrebbero arrivare fondi fino a «due miliardi». Lo afferma in un'intervista al Messaggero Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, che oggi e domani sarà in visita nelle zone del sisma.

L'Ue, spiega, si è mossa «con la stessa rapidità con cui intervenne per il sisma dell'Aquila e per quello dell'Emilia Romagna, stanziando in un caso 493 milioni di euro e nell'altro 670». «Nel caso degli ultimi terremoti, l'unica cosa che si poteva fare subito l'abbiamo fatta. Cioè dare tutto l'anticipo possibile, prescritto dal fondo di solidarietà della Ue. Il 9 dicembre sono stati erogati 30 milioni di euro, a pochi giorni dalla richiesta arrivata dall'Italia. Ma c'è molto di più».

«Il 15 febbraio, l'Italia ha inviato alla Commissione europea la stima globale dei danni, che è di 23,5 miliardi. La Commissione farà immediatamente la proposta d'intervento al Parlamento europeo e il Parlamento dovrà votarla. Secondo me, alla fine la cifra complessiva erogata, tra fondo di solidarietà e fondi strutturali Ue, potrebbe avvicinarsi ai due miliardi». «In aggiunta a queste risorse per la ricostruzione, si possono usare i fondi strutturali destinati alle regioni».

L'Italia, aggiunge, non è tanto in grado di trattare con l'Europa: «Non riusciamo ad essere incisivi. Perchè manca una strategia. Bisogna organizzare a Bruxelles una presenza, anzitutto fisica, nelle direzioni generali, in Parlamento, nelle riunioni di settore e in qualsiasi luogo decisionale».

«Mi sembra che Gentiloni stia usando linguaggio giusto. Quello utile a ricomporre, senza cedere sui contenuti, tante fratture e lacerazioni». Quanto al dilagare del populismo, per Tajani «le ragioni del malessere derivano, essenzialmente, da questi fattori. Uno: l'Europa comunica male quello che fa. Due: lo scaricabarile sull'Europa» da parte «degli Stati nazionali. Tre: l'eccesso di euro-burocrazia». «Troppo rigorismo e non un giusto rigore».

In Angela Merkel vede invece «soprattutto sul tema dell'immigrazione, un giusto approccio europeo». Trump «sicuramente ha risvegliato un orgoglio europeo. Che non dev'essere visto come contrapposizione».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X