Lunedì, 24 Luglio 2017
NEGLI USA

Morto lo "Sceicco cieco", mente dell'attacco alle Torri Gemelle del '93

attacco alle torri gemelle, terrorismo, twin towers, Sicilia, Mondo
Sheikh Omar AbdelRahman, lo Sceicco cieco - Ansa

ROMA. Sheikh Omar Abdel-Rahman, noto come 'lo Sceicco Cieco’, è morto in una prigione americana dove scontava l'ergastolo a cui era stato condannato per il suo ruolo di ispiratore del primo attentato al World Trade Center di New York, in cui nel 1993 morirono sei persone e un migliaio di altre rimasero ferite. Era nato in Egitto 78 anni fa, e da oltre 20 era dietro le sbarre.  Lo rendono noto fonti di stampa Usa, mentre al Arabija, scrive nel suo sito web che la notizia è stata confermata dal figlio e dalla figlia dello stesso esponente islamico, che per molti anni è stato un influente dirigente e leader spirituale della Jamaa Islamiya egiziana.

La Jamaa Islamiya è stata protagonista, insieme con il gruppo Jihad, dei più gravi attentati in Egitto negli anni Ottanta e Novanta, come quello di Luxor nel 1997, in cui morirono 58 turisti stranieri e quattro egiziani.  Il 29 giugno 2012, l'allora presidente egiziano Mohammed Morsi, esponente dei Fratelli musulmani, concluse il suo discorso di insediamento impegnandosi ad operare per la liberazione dello sheikh Omar Abdul Rahman, considerandolo un «detenuto politico».

Abdel-Rahman, che nacque in un villaggio sulle rive del Nilo, fu imprigionato in Egitto con l'accusa di aver ispirato nel 1986 l'assassinio del presidente Anwar Sadat. In seguito gli venne attribuito anche un complotto per assassinare nel 1993 l'allora presidente egiziano Hosni Mubarak.

A metà degli anni Ottanta si trovava in Afghanistan, dove strinse rapporti diretti con l'allora leader di al Qaida, Osama bin Laden, che una volta affermò di aver preso ispirazione proprio dallo Sceicco Cieco per gli attacchi agli Usa dell'11 settembre 2001.  Nel 1990, Abdel-Rahman, nonostante fosse su una 'lista nera' del Dipartimento di Stato, riuscì a trasferirsi negli Usa, dove iniziò a predicare nelle moschee di Brooklyn e New Jersey. Cinque anni dopo, fu condannato in base all'accusa di aver cospirato per «imporre una guerra di terrorismo urbano contro gli Stati Uniti», con azioni come l'attentato del 1993 al World Trade Center e con un piano per far saltare in aria la sede delle Nazioni Unite e di altri importanti siti di New York.

Parlando alla Corte, subito dopo la sua condanna, Abdel-Rahman non mostrò alcun rimorso, e anzi, ricorda il New York Daily News, esortò i suoi seguaci musulmani di sollevarsi contro «l'infedele» America, la cui civiltà, disse, «sarà distrutta».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook