Domenica, 25 Giugno 2017
L'IDEA

Terremoto, le Eolie accoglieranno 100 volontari: per loro vacanza premio

di
eolie, terremoto centro italia, volontari terremoto, Sicilia, Società
Isole Eolie

MESSINA. Si può viaggiare e, al tempo stesso, non partire mai dalla propria terra. Le Eolie, la Sicilia, l’Italia intera te le porti a spasso per il mondo perché ce le hai dentro, un concetto che va oltre quella nostalgia che chiamano «mal d’Africa». Luca Del Bono è uno così.

È un liparoto trapiantato a Londra: lì è arrivato con 500 sterline mentre ora è amico dei reali inglesi. Lì oggi sviluppa progetti di lusso nel campo dell’ospitalità e molto altro. E lì, nel suo esclusivo South Kensington Club, nel distretto museale della City, ha portato l’energia delle sue isole: il monumentale desk d’ingresso è stato, infatti, ricavato da un unico blocco di pietra lavica dell’Etna e l’acqua salata della Watsu Pool viene direttamente dal mare eoliano. Poi ha aperto il bistrot siciliano «Iddu» – con tutta l’imponenza dello Stromboli nel nome – dove nel menu non manca mai la granita e che il Daily Telegraph ha definito «selvaggiamente evocativo di un’estate mediterranea».

Per l’estate 2017 ha pronto il country club «La Macchia», questa volta però a Capalbio, ma sempre mar Tirreno è. Del Bono non è il solito italiano che fa fortuna e vippeggia all’estero, anzi rifugge da questa immagine. Nel 2015, con il finanziere e filantropo inglese Ben Goldsmith, ha creato l’Aeolian Islands Preservation Fund, una ong indipendente, con sede in Inghilterra, che ha l’obiettivo di preservare l’eccezionale natura delle Eolie e di promuovere iniziative sostenibili sul territorio con progetti legati alla protezione dell’ambiente, marino e terrestre.

Ma fa anche di più. Lo racconta: «Abbiamo seguito con apprensione le ultime vicende in Abruzzo e ammirato l’impegno, il coraggio e la forza con cui i volontari della Protezione civile e dei Vigili del Fuoco si sono dedicati al salvataggio, durante l’ultima tragedia italiana. Allora, come eoliani, per gratitudine vogliamo accogliere questi eroi capaci di salvare l’insalvabile, senza arrendersi”.

Da offrire, a chi ha visto l’inferno, hanno il loro paradiso: nella nostra quotidiana giungla che non ha memoria, in cui nessuno ricorda niente di nessuno, non è roba da poco: «L’idea è stata di mia madre, inglese ormai radicata a Lipari: permettere a cento volontari, direttamente selezionati dalla Protezione civile, di trascorrere una vacanza di una settimana sulle nostre isole, gli operatori, che voglio ringraziare, saranno felici di accoglierli gratuitamente nelle strutture alberghiere e nei ristoranti, in modo che possano godersi un meritato riposo, circondati dalle nostre bellezze naturali. Ho contattato Montezemolo e Franza che hanno messo a disposizione treni e navi».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook