I luoghi del cuore del Fai, i voti dei siciliani: la Tonnara di San Vito in testa - Foto

Enlarge Dislarge
1 / 20
La Tonnara di San Vito Lo Capo
La Tonnara di San Vito Lo Capo

PALERMO. Ultime ore per partecipare all’ottava edizione dei “I Luoghi del Cuore” e votare la propria località preferita.

L’iniziativa è promossa dal Fai in collaborazione con Intesa Sanpaolo e chiede ogni anno a tutti i cittadini di segnalare i piccoli e grandi tesori che amano e che vorrebbero salvare.

In Sicilia sono stati votati quest’anno 1.696 luoghi del cuore in testa la Tonnara di San Vito Lo Capo con 18.709 voti.

In dieci anni di progetto sono state raccolte oltre 1.800 mila segnalazioni, distribuite in oltre 31 mila luoghi.

La prima edizione, lanciata nel 2003, ha aperto la strada al successo dell’iniziativa, ricevendo 24.200 segnalazioni.

I contributi che potranno essere erogati solo a enti o associazioni, non a persone fisiche saranno così suddivisi: 50 mila euro primo classificato;  40 mila euro  secondo; 30 mila euro terzo.

Indipendentemente dalla posizione in classifica, sulla base di specifici progetti di azione, che sono stati presentati al Fai  i luoghi sopra i 100 mila voti riceveranno  7 mila euro; 4 mila euro per i luoghi sopra i 50 mila voti.

Inoltre il luogo che risulterà maggiormente votato nelle filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo , purché abbia raggiunto una soglia minima di 1.500 segnalazioni, riceverà un contributo di 5 mila euro indipendentemente dalla sua posizione finale, da destinare a un progetto subordinati all’approvazione del Fai, entro un anno dall’annuncio dei risultati del censimento.

Il Luogo che avrà raccolto più segnalazioni via web, indipendentemente dalla sua posizione finale, sarà oggetto di un video promozionale da parte di un operatore professionale incaricato dalla Fondazione.

Infine per tutti i luoghi che avranno raccolto più di 1.500 segnalazioni verrà fornito, su richiesta, il layout di una targa commemorativa della partecipazione al censimento da poter apporre presso il bene come segno della mobilitazione pubblica in suo favore.

© Riproduzione riservata