digitalizzazione, enel, energia elettrica, Sicilia, Economia
ENERGIA

Enel, nuovo piano da 4,7 miliardi per la digitalizzazione

LONDRA. Il piano strategico 2017-2019 dell'Enel si focalizza sulla digitalizzazione e sull'attenzione ai clienti. Per la prima il gruppo elettrico mette in campo investimenti per 4,7 miliardi di euro, per digitalizzare gli asset, l'operatività e i processi e potenziare la connettività, con l'obiettivo di generare un incremento cumulato dell'Ebitda per 1,6 miliardi tra il 2017 e il 2019. Si prevede poi di migliorare il servizio agli oltre 60 milioni di clienti finali, con l'obiettivo di generare 3 miliardi di Ebitda nel 2019.

L'Enel prevede che il nuovo fattore rappresentato dalla digitalizzazione consentirà al gruppo di raggiungere un obiettivo in termini di cash cost di 10,6 miliardi di euro nel 2019 a fronte di 11,6 miliardi di cash cost nel 2016, pari a una riduzione nominale del 9%. Si tratta di un miglioramento pari a 500 milioni di euro rispetto al piano precedente, derivante da: una riduzione del 7% degli investimenti in manutenzione a 2,8 miliardi di euro nel 2019 rispetto ai 3 miliardi di euro del 2016, nonostante la crescita del portafoglio degli asset; un netto miglioramento della riduzione dei costi operativi, che raggiungeranno 7,8 miliardi di euro nel 2019 rispetto agli 8,6 miliardi di euro nel 2016.

Il Gruppo prevede un piano di investimenti complessivo di 20,9 miliardi di euro tra il 2017 e il 2019 (rispetto a 21,2 miliardi di euro previsti dal piano precedente per il medesimo arco temporale) con un mix tra investimenti di manutenzione e investimenti per la crescita nell'ordine, rispettivamente, di 40%/60%.

Il piano di digitalizzazione degli asset genererà una crescita degli investimenti nei settori delle reti e del retail, che riguarderà principalmente i contatori intelligenti, il controllo da remoto, la connettività dei sistemi, così come gli investimenti nella digitalizzazione del cliente e la promozione di una forza lavoro più digitalizzata.

Quasi il 95% degli investimenti del Gruppo destinati alla crescita riguarderà attività prive del rischio «merchant», quali le reti, nonchè la generazione da fonti rinnovabili e termoelettriche supportata da contratti di acquisto dell'energia.

Il Gruppo prevede di generare un Ebitda A di crescita complessivo di 4 miliardi di euro nel periodo 2017- 2019. In particolare, nelle reti gli investimenti per la crescita dovrebbero raggiungere circa 6 miliardi di euro in tre anni, di cui circa 4 miliardi per la digitalizzazione degli asset. Si prevede che il numero dei contatori intelligenti installati salirà a oltre 48 milioni, con l'installazione di 18 milioni di nuovi contatori, di cui 12 milioni relativi a sostituzioni, con un aumento di 2 milioni degli utenti finali, che dovrebbero raggiungere i 64 milioni nel 2019; nelle rinnovabili è prevista la realizzazione di una capacità aggiuntiva di 6,7 GW nei prossimi tre anni, comprensiva sia degli asset gestiti che di quelli consolidati; nel retail è atteso un aumento dell'Ebitda del 20% a 3 miliardi di euro nel 2019, in crescita di più del 40% rispetto al piano precedente, con i clienti sul mercato libero che dovrebbero quasi raddoppiare a seguito della fine del mercato regolato in Italia e della ulteriore liberalizzazione attesa in America Latina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati